0 Shares 20 Views
00:00:00
12 Dec

Pancreatite, i sintomi e la cura per l’acuta e la cronica

4 giugno 2012
20 Views

La pancreatite è una delle malattie più brutte in assoluto in quanto determina un'infiammazione del pancreas che può essere acuta o cronica e che in ogni caso provoca problemi quando si mangia e anche in fase di digestione. I sintomi della pancreatite sono riconoscibili e anche la cura è ormai abbastanza semplice da trovare e aiuta parecchio nella gestione del problema.

La pancreatite si genera in quanto i tessuti del pancreas si auto-digeriscono andando a bucare e comunque a lacerare il pancreas stesso per cui tra i sintomi principali della pancreatite ci sono il dolore acuto mentre si digerisce e localizzato nella parte alta dell'addome che nei casi gravi è accompagnato da vomito, nausea, febbre e battiti cardiaci più veloci del normale.

Se il pancreas è danneggiato dai suoi stessi succhi gastrici non è difficile che si verifichino emorragie interne che a loro volta causano infezioni che, se non diagnosticate, possono causare problemi molto seri.

La pancreatite acuta è temporanea ma causa molto dolore mentre la pancreatite cronica essendo interiorizzata presenta sintomi più sfumati e si manifesta soprattutto con dimagrimento e difficoltà di digestione.

Le cause che provocano la pancreatite sono diverse ma nella maggior parte dei casi questo disturbo è causato dalla presenza di calcoli biliari, da problemi allo sfintere di Oddi, da iperparatiroidismo, da ipercalcemia e nei casi molto gravi da alcolismo.

La pancreatite viene diagnosticata non solo tramite l'osservazione dei sintomi ma anche tramite esami strumentali, analisi del sangue e analisi delle feci.

La pancreatite acuta viene curata eliminando la causa primaria mentre quella cronica va trattata molto più a lungo e in entrambi i casi può essere richiesto ricovero in ospedale per permettere la depurazione dell'organismo e per l'eventuale esportazione degli eccessi che causano problemi; a seguito di trattamento va rivista l'alimentazione del paziente che deve essere molto più leggera e ricca di frutta, verdura, cereali e proteine magre.

Vi consigliamo anche