0 Shares 13 Views
00:00:00
12 Dec

Perdite bianche prima del ciclo e in gravidanza, informazioni e problemi

1 agosto 2011
13 Views

Le perdite bianche vaginali sono di solito fisiologiche ma variano di intensità e forma nel corso dei vari periodi diventando molto più abbondanti e meno viscose al momento dell’ovulazione.

Si tratta di elementi naturali che aiutano l’organismo a mantenere la sua stabilità e facilitano la riproduzione ed è per questo motivo che sono bianche, trasparenti e filamentose, senza odore e senza pruriti, bruciori o irritazioni.

Per questo abbondano prima del ciclo e sono fisiologiche nel corso delle prime settimane di gravidanza e prendono il nome di leucorrea gravidica; sono legate strettamente all’aumento del livello di estrogeni causato dalla gravidanza ma vanno tenute sotto controllo se la loro consistenza cambia, diventano più acquose e sono accompagnate da bruciore.

Si definiscono perdite non naturali quelle caratterizzate da:

– colore giallognolo e cremose (infezione gonoccocica);
– schiumose e di colore verde-giallo con pruriti ed irritazioni (Trichomonas);
– bianche, schiumose, di odore cattivo (vaginosi batterica, Gardnerella vaginalis);
– modeste con prurito e bruciore, bianche e di consistenza caseosa (Candidosi);
– muco-purulente con dolori durante i rapporti sessuali (Clamydia, Ureaplasma urealyticum).

Vi consigliamo anche