0 Shares 16 Views
00:00:00
12 Dec

Bimbo malato decide di lasciarsi morire. L’annuncio su Facebook

LaRedazione
21 febbraio 2014
16 Views
reece bimbo facebook

Le parole di un bimbo malato che decide di lasciarsi morire sono sempre forti, specialmente quando l’annuncio arriva da Facebook e viene dato al mondo, con una naturalezza di cui è capace solo un bambino di 11 anni.

Reece ha 11 anni, nel 2008 i medici hanno scoperto che il suo corpicino era stato colpito da una forma grave di neuroblastoma. Il bimbo ha cominciato subito le cure del caso, sottoponendosi a cicli estenuanti di chemioterapia che l’hanno devastato fisicamente ma non nello spirito.

Durante tutto il periodo Reece è stato un bambino allegro e vivace, voleva anche essere spensierato, ma inevitabilmente il suo percorso di vita gli ha rubato questo aspetto anche se lui non ha mai fatto pesare alla madre la sua condizione; è stata proprio la madre, nel 2008, ad aprire il blog in cui raccontare il calvario e l’avventura del suo piccolo eroe biondo, così forte e determinato a voler guarire da contagiare anche chi gli è stato attorno col suo buonumore.

Le cure sono state lunghe e sembrava che stessero dando i primi risultati, fino a quando Reece, sotto la doccia, non ha sentito qualcosa nella testa che, dopo gli accertamenti, ha riacceso la paura e spento la speranza: aveva sviluppato un tumore maligno al fegato, ormai incurabile. Reece ha preso in mano la situazione e, dopo aver parlato con la madre, ha scelto di interrompere le cure e di non sottoporsi ad un ulteriore calvario.

Il bambino ha preso questa decisione e l’ha comunicata su Facebook con serenità, come si comunicherebbe un nuovo viaggio, perché forse, per lui, è proprio così.

Reece sa che non gli resta più molto tempo da vivere, sa che la sua vita è destinata a finire prima di quella degli altri e il poco tempo che ha davanti ha deciso di goderselo tutto fino alla fine, facendo quello che più gli piace, realizzando la sua lista dei desideri che ha postato su Facebook e che comprende una cameretta tutta sua, una consolle per i videogiochi, un viaggio in Sud Africa e l’incontro con Johnny Deep.

I desideri di questo bimbo malato che ha deciso di lasciarsi morire, forse, verranno esauditi dopo l’annuncio su Facebook, ma non quello della madre, che avrebbe voluto tenere ancora a lungo con se suo figlio.

Vi consigliamo anche