0 Shares 21 Views
00:00:00
18 Dec

Facebook compra Branch e Potluck per alimentare condivisioni

LaRedazione - 15 gennaio 2014
LaRedazione
15 gennaio 2014
21 Views
facebook

Per incrementare le condivisioni basate sugli interessi, Facebook sfodera una nuova carta: l’acquisizione di Potluck e Branch. Il social network creato da Mark Zuckerberg ha investito una somma vicina ai quindici milioni di dollari con l’obiettivo dichiarato di cercare di rilanciare e favorire le discussioni tra gli utenti. Lo scopo, insomma, è provare ad aumentare in maniera sensibile il volume delle conversazioni e delle interazioni social.

Il colosso informatico di Menlo Park ha quindi reso noto che sta per acquistare gli asset societari di Branch, società con sede a New York, che in pratica rappresenta una versione avanzata dei forum di discussione di una volta. Il social californiano intende dare vita a thread moderni che prendano spunto dagli interessi che milioni di utenti condividono.

E’ stata la stessa piattaforma americana a comunicare la doppia acquisizione nel campo del cosiddetto link sharing. In un post pubblicato sul blog del gruppo, Josh Miller, ceo di Branch, ha riferito che l’intero team di sviluppatori rimarrà a New York e non dovrà spostarsi dalla sede della Grande Mela. La realtà aziendale che nascerà e che verrà sviluppata nei prossimi mesi prenderà il nome di Conversations, e agirà direttamente sotto l’influenza e il controllo di Facebook. Tra i suoi obiettivi primari, supportare il social network nella ricerca delle condivisioni e delle connessioni fondate, tramite i link, sugli interessi personali.

Quello di Branch, comunque, non sarà – come detto – l’unico acquisto portato a termine dalla creatura di Zuckerberg. Verranno rilevati, infatti, anche gli asset dell’applicazione mobile Potluck, che fa riferimento sempre a Branch, e che serve a condividere in maniera immediata e veloce le cosiddette news clip. Josh Miller, ceo del gruppo, in un post scritto su Facebook ha spiegato che il business di Branch non subirà cambiamenti e resterà indipendente; nei mesi scorsi egli era riuscito a raccogliere una somma vicina ai due milioni di dollari anche grazie all’intervento di Evan Williams e Biz Stone, i due fondatori di Twitter.

Facebook, dunque, ha scelto di puntare in maniera decisa sulla discussione social, e per questo si è allargata a contesti più ampi e adeguati. In questo senso si spiegano anche, per esempio, la modifica dei news feed e l’introduzione degli hashtag, fino a qualche tempo fa marchio esclusivo di Twitter.

Con l’acquisto di Branch e Putlock, Facebook punta dunque sulle condivisioni basate sugli interessi, sperando di incrementare il numero e il volume delle discussioni social.

Loading...

Vi consigliamo anche