Allarme sugo Esselunga, ritirati barattoli: trovati frammenti di vetro

Un sugo diffusissimo potrebbe celare un grave rischio. Ecco le modalità per riconoscere il prodotto e riportarlo subito al supermercato.

E’ ancora allerta sanitaria nel carrello della spesa: alcuni barattoli di sugo pronto al basilico a marchio Esselunga (nella sola confezione da 400 grammi) sono stati ritirati dagli scaffali dei punti vendita della catena dopo un importante avviso di richiamo che lo stesso supermercato ha ricevuto dalla casa di produzione fornitrice del prodotto.

Il problema riscontrato nel solo lotto L1045 (e che riporta la data di scadenza di aprile 2018, apposta sul bordo del tappo del barattolo) è che potrebbe avrebbe, infatti, alcuni pericolosi frammenti di vetro all’interno del preparato alimentare, un rischio sanitario di altissimo livello che la stessa ditta – fornitrice del noto marchio di GDO, la Delfino S.p.A. di Acerra, nella provincia di Napoli – avrebbe segnalato alla stessa Esselunga e, da qui, l’immediata decisione del grande supermercato di avvisare la clientela con una nota e ritirare intanto dai suoi scaffali il prodotto coinvolto, oltre che suggerire ai suoi clienti di riportarlo al punto vendita ed ovviamente di non consumarlo.

Una brutta vicenda che fa seguito ad altre capitate anche nello scorso anno e in altri grandi supermercati e negozi di alimentari piuttosto noti e che – grazie ad un primo alert circolato sul social network Facebook e poi ufficializzato in una nota di Esselunga – è stato quasi risolto in tempi brevi.

Non a caso, all’interno dei punti vendita in Italia o con comunicazioni via e-mail a quanti utilizzano il sistema di spesa online è stato subito riferito il rischio su questo specifico lotto di sugo.

In ogni caso, se qualcuno avesse ancora in dispensa il lotto sotto accusa, c’è un numero verde messo a disposizione da Esselunga: 800666555.

[foto: Ilfattoalimentare.it]