Attentato all’aeroporto di Bruxelles: oltre dieci morti e molti feriti

Due forti esplosioni sono avvenute stamattina, poco prima delle otto, all’aeroporto principale di Bruxelles

Due forti esplosioni hanno interrotto la quotidianità di quanti, nei giorni che precedono la Santa Pasqua, erano presenti all’aeroporto principale di Bruxelles.

Le esplosioni ci sono state poco prima delle otto di stamattina ed hanno portato il panico e la morte nello scalo della capitale belga. Secondo i pompieri ci sarebbero almeno 11 morti e venticinque feriti. Le esplosioni sono avvenute nell’atrio A, al piano terra delle partenze, dove sono posizionati i desk delle compagnie aeree.

Raffiche di mitra e urla in arabo”. Alcuni testimoni avrebbero sentito, prima delle esplosioni, “raffiche di mitra e urla in arabo”. Tra questi era presente anche un italiano, come riporta lastampa.it, il signor Massimo G., presente allo scalo di Zavantem con la sua famiglia e in procinto di rientrare in Italia: “ci è sembrata una bomba”, ha affermato.

Aeroporto chiuso e stato d’allerta al livello 4. Lo scalo della capitale è stato chiuso per motivi di sicurezza e i passeggeri sono stati radunati in un’area sicura. Il presidente della regione Bruxelles-Capitale, Rudi Vervoort, ha confermato a Rtl che “c’è stata un’esplosione ed è scattato il piano di urgenza”.

(Immagine: www.nextquotidiano.it)