Caso Loris Stival: Veronica Panarello descrive gli incontri sessuali con Andrea Stival

Secondo il settimanale Giallo, Veronica Panarello avrebbe già fornito i dettagli degli incontri extraconiugali avuti con il suocero durante l'ultimo interrogatorio

Non c’è pace per il piccolo Loris Stival. La indagini condotte sulla morte di Loris Stival proseguono e, dopo la terza confessione di Veronica Panarello, madre del piccolo, rimettono in discussione il ruolo di Andrea Stival, suocero e nonno di Loris.

Il piccolo è stato ucciso a Santa Croce Camerina (Ragusa), il 29 novembre 2014. Secondo l’ultima confessione della madre, al momento unica indagata per l’omicidio del figlio, sarebbe stato Andrea Stival ad uccidere il nipote, perché quest’ultimo era venuto a conoscenza della loro relazione e minacciava di dire tutto a suo padre. La Panarello avrebbe già fornito i dettagli degli incontri avuti con il suocero per provare che quanto afferma corrisponde a realtà.

Veronica Panarello e i dettagli forniti sugli incontri avuti con Andrea Stival. Il settimanale Giallo rivela che la donna avrebbe già fornito i dettagli degli incontri avuti con il suocero nel corso dell’ultimo interrogatorio. La madre di Loris avrebbe raccontato agli inquirenti di essere a conoscenza di alcuni problemi appartenenti alla sfera intima di suo suocero e di averlo accompagnato ad una visita dall’urologo (medico che si occupa delle patologie a carico dell’apparato genito-urinario).

Dai tabulati sono emersi i frequenti contatti tra la donna e il suocero, dovuti, secondo la difesa dell’avvocato di Andrea Stival, al fatto che l’uomo fosse rimasto solo dopo che la figlia decise di andare a vivere con il suo fidanzato, nel maggio 2014.

(Immagine: newsitaliane.it)