Caso Yara: Marita perdona Bossetti dopo le lettere choc

Marita, moglie di Massimo Bossetti, ha deciso di perdonare suo marito ed è andata a trovarlo in carcere dopo due mesi di assenza

“Mamma e Laura, io so che la farò finita qui dentro, perché non posso accettare tutto quello che ho combinato a Marita e me lo merito davvero per quello che ho fatto”. Sono bastate queste poche righe dirette, stringate, per far cambiare idea a Marita, moglie di Massimo Bossetti, nome legato al delitto della piccola Yara Gambirasio.

L’esclusiva data dal settimanale “Oggi” è arrivata come un fulmine a ciel sereno: la donna è stata vista arrivare in carcere in compagnia di una delle sue figlie, a distanza addirittura di due mesi, durante i quali la donna aveva tagliato qualsiasi ponte tra lei e suo marito.

La donna sarebbe giunta nei pressi del carcere a bordo di una sfavillante Porsche Panamera di proprietà del consulente della difesa, il criminologo Ezio Denti, che era alla guida. Tra i due, comunque, non ci sarebbe altro che un rapporto di tipo amichevole.

L’arrivo di Marita ha messo a tacere tutte le voci che erano nate dopo che alcune lettere che Massimo Bossetti aveva scritto ad una detenuta erano state pubblicate. La donna in questione si chiama Gina.

A spingere Marita a tornare da Massimo, sarebbe stata la mamma di quest’ultimo, che preoccupata per lo stato di salute mentale del figlio, avrebbe fatto di tutto per convincere la donna a riappacificarsi con Bossetti.

Ancora non è chiaro se tra i due possa tornare mai il sereno, anche perché Marita ha deciso di non rilasciare alcun tipo di dichiarazione in merito. Ciò che, invece, è certo è che la donna ha deciso di fare un passo molto importante, che potrebbe aiutare il presunto assassino di Yara Gambirasio a trovare un minimo di pace interiore.

Per ora si attendono nuove notizie, per vedere in che modo si concluderà questa ennesima dolorosa pagina di cronaca italiana.

[Foto: www.cronacanera.org]