Nonna nasconde i bimbi sotto il letto e li salva durante il tragico terremoto che ha scosso il centro Italia

Un terremoto di magnitudo 6.0 ha sconvolto i comuni di Amatrice e Arquata del Tronto

Sono stati una manciata di secondi di puro terrore quelli che hanno vissuto stanotte, verso le 3.30, i cittadini di svariati comuni del centro Italia.

Una violenta scossa di magnitudo 6.0 ha violentemente fatto tremare i territori tra l’alto Lazio e le Marche. Il terremoto è stato avvertito non solo nelle zone direttamente interessato, ma anche in grandi centri urbani quali Bologna, Firenze e Roma.

I comuni più colpiti sono stati quelli di Accumuli, piccola cittadina della provincia di Rieti, Arquata del Tronto e Amatrice. Il centro storico di quest’ultima, stando anche alle parole del primo cittadino, sarebbe del tutto distrutto e la situazione sarebbe davvero drammatica. Intanto si cominciano già a contare le vittime, che sono più di una decina.

D’altra parte, come di consueto in queste situazioni tragiche, la macchina degli aiuti si è già messa in azione e non sono poche le persone estratte vive dalle macerie che occupano le strade dei centri abitati.

Tra le notizie migliori, quella del salvataggio di due fratellini, di 7 e 4 anni, entrambi estratti vivi dalla casa della nonna, che li ospitava per le vacanze. La donna, che è ancora viva, sebbene si trovi sotto i detriti della propria casa, ha salvato la vita dei piccoli, facendoli nascondere con lei sotto il letto. I soccorsi stanno cercando di estrarre la donna quanto prima, così da poterle far riabbracciare finalmente i nipotini. La signora e i due ragazzini sono tra i superstiti di Arquata del Tronto che, come è stato già detto, è uno dei comuni più danneggiati.

LEGGI ANCHE I COMMOVENTI RACCONTI DEI SUPERSTITI DEL TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA


IL DEVASTANTE TERREMOTO CHE HA DISTRUTTO AMATRICE. IL SISMOLOGO: “POSSIBILI ALTRE SCOSSE COME LA PRIMA”

Nonostante i morti siano già 21, i soccorsi stanno lavorando a pieno regime in tutta la zona, per cercare di salvare quante più vite possibile e ritrovare i molti dispersi che, purtroppo, già si contano.

[fonti articolo: fanpage.it]

[foto: ilpost.it]