Omicidio Ancona, trovato il biglietto che sembra incastrare Antonio Tagliata

Si attendono i risultati dell’autopsia sul cadavere di Roberta Pierini, madre della ragazza, mentre il padre è in coma irreversibile

Proseguono le indagini sul delitto di Ancona. I pm stanno raccogliendo tutte le informazioni e le testimonianze di vicini e familiari dei Giacconi, al fine di avere chiaro il quadro della situazione. Un delitto efferato in cui ha perso la vita Roberta Pierini, moglie di Fabio Giacconi, quest’ultimo finito in coma irreversibile. Il movente sembra essere la contrarietà dei genitori al legame dei due ragazzi. Sotto accusa è Antonio Tagliata, il fidanzato della figlia dei Giacconi, che aveva con sé tre caricatori. Ed ora c’è anche un biglietto che lo mette ancor più nei guai.

Il biglietto incriminato. Il fidanzato diciottenne ha scritto su di un biglietto lasciato in casa sua di essere lui l’autore dell’omicidio: “Confesso l’omicidio di Fabio Giacconi e Roberta Pierini”. Queste le parole del ragazzo scritte sul biglietto poi sequestratogli in casa dopo il fermo. Una frase che di certo non gioca a suo favore e che lui ha così giustificato durante l’interrogatorio: “Ero sicuro che sarei morto, ho scritto il biglietto per proteggere mio padre, che ha avuto problemi con la giustizia”.

Antonio Tagliata voleva solo un chiarimento con i genitori di lei : “Non volevo uccidere, volevo solo un chiarimento con i genitori della mia ragazza: ma il padre ha avuto un atteggiamento aggressivo, mi è venuto addosso, e io ho sparato. Non ricordo nient’altro”. Poche parole dichiarate in fretta e a testa bassa dopo l’arresto.

La verità dovranno stabilirla gli inquirenti ma è certo che, tale vicenda, per la crudeltà che racconta, ricorda molto il caso di Erika ed Omar. Due ragazzi, anche in questo caso, apparentemente tranquilli, che pur di stare assieme sono arrivati a scagliarsi contro i genitori di lei, uccidendo la madre e mandando il padre in rianimazione. Antonio, come affermato da lui stesso agli inquirenti, era andato in casa dei Giacconi per avere un chiarimento con loro ma, a quanto pare, le cose non sono andate così. Ed ora emergono anche altre vicende legate ai due ragazzi che, come affermato dal padre di Antonio, pur di stare assieme avrebbero provato anche ad uccidersi in passato.

I due ragazzi al momento si rimpallano le accuse su chi di loro abbia sparato. Presto, la verità salirà a galla e per i due, molto probabilmente, ci saranno conseguenze molto gravi.

(Fonte: www.repubblica.it)

(Immagine: www.huffingtonpost.it)