Pensioni: ecco la maxi truffa degli stranieri

Numerosi stranieri avevano dichiarato la loro residenza in Italia e percepivano la pensione: la truffa ammonta a 5,6 milioni di euro

Una maxi truffa da 5,6 milioni di euro ai danni dell’INPS è stata denunciata dalla Guardia di Finanza di Bari. Le persone denunciate, tutti stranieri di varia cittadinanza, sono addirittura 174, tutte di età superiore ai 65 anni.

I comuni di residenza più ‘colpiti’ sono quelli di Bari, Barletta, Andria e Trani.

Secondo le ricostruzioni della Guardia di Finanza di Bari, che ha lavorato al fianco dei colleghi di Trani, le 174 persone, nonostante risultassero residenti in Italia, erano tornate nei loro Paesi d’origine ormai da molto tempo e si servivano del proprio coniuge per intascare illegalmente la propria pensione. Gli assegni, in media, erano di circa 450 € mensili.

Per ora non si hanno ancora ulteriori notizie riguardo la maxi operazione, tanto meno si sa quale sarà la pena che i truffatori dovranno pagare, ma ulteriori dettagli della storia verranno resi noti oggi, 7 Luglio 2016, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella sede del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Bari. Alla conferenza sarà anche presente il direttore provinciale dell’INPS di Bari, Francesco Miscioscia.

Questa non è la prima volta che la Guardia di Finanzia scopre una truffa del genere ai danni dello Stato Italiano, quindi viene da chiedersi, come mai così tante persone riescono, spesso, a farla franca e riescono anche a truffare una macchina, quella statale, che dovrebbe tenere la massima attenzione a questi particolari?

Fortunatamente il lavoro svolto dalla Guardia di Finanza è encomiabile e spesso, poi, i truffatori vengono consegnati alla giustizia, ma forse un po’ di attenzione in più non guasterebbe.

[fonte articolo: blitzquotidiano.it]

[foto: molisedoc.it]