Gianfranco Fini indagato per riciclaggio

Gianfranco Fini è indagato per riciclaggio dalla procura di Roma in un’inchiesta in cui sono coinvolti la compagna Elisabetta Tulliani, Sergio e Giancarlo Tulliani

L’ex presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, è indagato per riciclaggio dalla Procura di Roma in un’inchiesta in cui sono coinvolti la moglie Elisabetta Tulliani, Sergio e Giancarlo Tulliani. È di oggi il decreto di sequestro preventivo emanato dal gip ed eseguito dallo Scico della Guardia di Finanza verso Sergio Tulliani, Giancarlo Tulliani (figlio di Sergio) ed Elisabetta Tulliani per un valore di circa 5 milioni di euro.

Fini si dice fiducioso nella magistratura. L’ex leader di Allenaza nazionale ha ricevuto un avviso di garanzia e la sua iscrizione nel registro degli indagati è stata determinata dalle perquisizioni eseguite a dicembre 2016 a carico di Sergio e Giancarlo Tulliani. Tali accertamenti avrebbero messo in luce nuove condotte di riciclaggio, reimpiego e autoriciclaggio messe in opera da Sergio, Giancarlo ed Elisabetta Tulliani. Fini ha così commentato la ricezione dell’avviso di garanzia: “È un atto dovuto. Ho piena fiducia nell’operato della magistratura, ieri come oggi”. Alla magistratura, quindi, il compito di accertare, ha affermato Fini, “se sono state commesse irregolarità”.

Gianfranco Fini fu tra gli artefici della scissione dal Pdl. Dopo l’abbandono del Pdl fondò il partito politico Futuro e libertà per l’Italia. A seguito della débâcle delle elezioni politiche del 2013 è uscito dal Parlamento, istituzione in cui ha ricoperto il ruolo di Presidente della Camera.

(Fonte articolo: repubblica.it)
(Foto: Huffington Post)