Scambio di neonati in clinica, due mamme tornano a casa con le figlie sbagliate

Ancora uno scambio di neonati in una clinica in Campania: le mamme tornano a casa con le figlie sbagliate.

Ennesimo caso di malasanità nell’avellinese dove per fortuna tutto è andato a finire nel migliore dei modi. Infatti dopo il parto a due mamme viene data da allattare la figlia di un’altra. Il fatto è avvenuto il 9 ottobre quando due donne, dopo tre giorni di ricovero, lasciavano insieme il luogo di cura, felici di poter tornare a casa con la propria bellissima bimba.

Lo scenario idilliaco si è bruscamente interrotto quando una delle due mamme, una volta giunta a casa, ha notato che sul braccialetto era stato inserito un numero differente rispetto a quello riportato su quello che aveva la bambina. Si è trattato di un puro caso che la donna si sia accorta del fatto tanto che l’allarme è stato lanciato proprio al terzo giorno in cui la bambina già si era abituata al nuovo ambiente e aveva già ricevuto le visite di parenti ed amici. Il caso di Atripalda, il paese delle due bambine, ha giù fatto il giro d’Italia, provocando molte critiche.

Nell’occhio del ciclone si è ritrovata la clinica dove le due donne hanno partorito, e secondo l’indagine effettuata dalla polizia, lo scambio è avvenuto subito dopo il parto. Le due mamme felici hanno allattato due bambine bellissime, scambiandole. Per 48 ore in clinica, nessuna infermiera e nessun medico si è reso conto dell’errore. Solo al terzo giorno che le bambine erano fuori dalla clinica, ci si è accorti del fattaccio. Grande rabbia e preoccupazione da parte dei genitori contro i dirigenti della clinica. L’intervento delle forze dell’ordine è stato obbligato per quietare la situazione e per ritrovare l’altra bimba, la cui famiglia, ignara di tutto, si è vista arrivare la polizia in casa. Infatti dalle indagini e tramite le telecamere all’interno della clinica sono riusciti a risalire all’altra neonata.

Ora ogni bimba è tornata alla sua mamma biologica, ma il caso ha alzato un polverone mettendo in discussione la sicurezza e l’affidabilità di alcune strutture, dove spesso, alcuni gesti meccanici e che si ripetono sempre, vengono presi con leggerezza, tanto da far accadere episodi come questi che dovrebbero essere impensabili.

Purtroppo i casi di cronaca non sono noti a questi episodi e con una certa regolarità si ascoltano notizie di questa tipologia. Molte mamme ora saranno molto più attente a quel braccialetto che viene posto attorno al piccolo polso del proprio bambino, sperando che questi episodi diventino sempre più rari.

[Foto: notizie.tiscali.it]