Veronica Panarello: “Ma che bello, siamo tutti qui!” le frasi choc durante la perizia psichiatrica

Ecco cosa avrebbe detto la madre del piccolo Loris Stival durante la prima perizia psichiatrica, utile a stabilire la sua salute mentale

Il sito IlSussidiario pubblica oggi le frasi che Veronica Panarello – accusata dell’omicidio del piccolo Loris Stival di 8 anni – avrebbe pronunciato nella prima perizia psichiatrica, chiesta qualche settimana fa dalla difesa. Tra le dichiarazioni rilasciate al cospetto di medici, al fine di stabilire la salute mentale della giovane mamma, ci sarebbero alcune frasi che lascerebbero pochi dubbi.

Ma che bello, siamo tutti qui! – e poi ancora – Ci siete tutti, siete qui per me. Sono pronta, chiedetemi tutto quello che volete!– avrebbe detto la Panarello sulle prime, non appena messa di fronte a chi doveva ascoltarla e valutarla per il suo stato psico-fisico. Ma non c’è stato molto altro da aggiungere evidentemente. Le parole – riportate sul settimanale Giallo – hanno ricordato quelle simili che la mamma di Loris avrebbe detto in uno dei primi incontri con i medici a Catania, nelle prime frasi dell’inchiesta, quando sottolineò ancora Che bello, siete qui per me” quasi fosse una star dello spettacolo entusiasta quindi di essere sulla scena e sotto i riflettori, solo ad alcuni mesi dalla perdita del suo bambino.

Rivelazioni di cui i medici terranno conto in aggiunta a quelle raccolte durante questa prima perizia (cui dovrebbero seguirne altre), richieste proprio dai legali della donna. Secondo la difesa infatti, in tal modo si potrebbe provare la sua incapacità di intendere e di volere, giungendo ad ottenere un’unica conclusione per queste indagini, ovvero che – per l’omicidio di due anni fa – Veronica Panarello non sarebbe nelle condizioni di subire un processo, né le dirette conseguenze.

[foto: UrbanPost.it]