Federica e Isabel abbandonano il convento per unirsi in matrimonio.

Le due ex suore si sono conosciute in Nuova Guinea, durante una missione umanitaria.

Non è stata una scelta facile per Isabel e Federica, due ex suore che hanno deciso di uscire allo scoperto e di non aver paura di mostrare la propria sessualità, celebrando un matrimonio civile che le ha unite per la vita. Una storia che ha scosso la Chiesa e alcuni dogmi secolari ma che è servita a queste due donne per sentirsi libere di esprimere il loro amore e di abbandonare il velo.

Federica e Isabel si sono conosciute in Nuova Guinea, durante una missione umanitaria. A contatto con i poveri hanno capito i valori della vita e della misericordia di Dio. Entrambe hanno girato il mondo, conosciuto il dolore e la sofferenza, hanno frequentato i conventi rinchiudendosi in un’omertà che le impediva di vivere la loro sessualità in modo esplicito.

Federica, 40 anni, originaria del sud dell’Italia, ha sposato Isabel, 44 anni, donna sudamericana che parla ormai perfettamente la nostra lingua, nella città di Torino. Una cerimonia che si è svolta nel municipio di Pinerolo. Le due donne hanno rilasciato una recente intervista a “Repubblica”, dove hanno raccontato le difficoltà affrontate a causa della loro decisione e le critiche che ne sono scaturite da parte del mondo ecclesiastico.

“Avremmo potuto seguire un consiglio che si sente spesso nei conventi”, ha dichiarato Federica, “non dire nulla e continuare e non dare scandalo”. Una decisione ipocrita che le avrebbe permesso di mantenere il velo, ma che le due donne hanno preferito rinunciare. D’altronde lo stesso Gesù non ha mai condannato gli omosessuali, anzi, nel Vangelo il Cristo si scaglia contro gli ipocriti.

E di ipocrisia la nostra società ne è piena perché, in tanti, ancora oggi sono contrari alle unioni tra persone dello stesso sesso. Ma che cosa c’è di sbagliato in un gesto d’amore tra due donne che vogliono sancirlo mediante un atto ufficiale? Lo scandalo, secondo chi le contesta, è che Federica e Isabel erano due suore e il loro matrimonio era già stato celebrato con Dio.

Ma qual è stata la reazione delle altre suore? “Noi siamo state abbandonate, espulse”, ha spiegato Isabel, “e molte ci hanno ostacolato”. Una situazione che entrambe si aspettavano, ma non sono mancate le sorelle che, invece, hanno appoggiato serenamente la loro scelta. In merito al loro scandalo, Isabel ha ricordato le dichiarazioni di Papa Francesco: “Chi sono io per giudicare?”, parole che dovrebbero far smettere ogni tipo di polemica.

Le due ex suore hanno voluto esprimere solidarietà nei confronti di altre donne che stanno vivendo la loro stessa situazione nell’ambito ecclesiastico, invitandole a non aver paura e a mostrare la loro sessualità. “La Chiesa è come un iceberg”, ha spiegato Federica, “che ormai da secoli lotta per mantenersi compatto eliminando chi è scomodo e rischia di farlo scongelare”. Ma quello che hanno compiuto Isabel e Federica in qualche modo è un passo avanti affinché possa esserci un confronto leale tra la Chiesa e temi come quello dell’omosessualità.
[Foto: magseriesusa.net]