Riforma pensioni Governo Renzi, calcolo pensioni: l’Inps invia la busta arancione

Una lettera che contiene informazioni importanti per la pensione. Ecco tutto quello che c'è da sapere

La Svezia è stato il primo paese europeo a spedire nelle cassette postali dei suoi sudditi la busta arancione con la stima della loro pensione. Una simulazione della pensione futura basata su quanto versato, della retribuzione attesa e della data di uscita dal lavoro.

E in Italia? Al momento nel nostro Paese è possibile ottenere la stima della propria pensione futura soltanto online, tramite il portale dell’Inps, dove la procedura è disponibile dal mese di maggio 2015. La vera svolta ci sarà fra due o tre settimane quando, come assicurato dal presidente Inps Tito Boeri, saranno spedite a casa dei lavoratori le buste arancioni: “Abbiamo superato la soglia di un milione di persone che hanno fatto la simulazione online”. Ora, prosegue Boeri, le lettere verranno inviate a casa “a tutti coloro che non hanno fatto la simulazione online, perché vogliamo incoraggiarli a prendere il Pin sul sito”. Un’operazione necessaria al fine di effettuare la stima sulla propria pensione.

Come avviene il calcolo? Grazie al proprio pin si può accedere all’applicazione dell’Inps che, tenendo conto di vari parametri (fra cui l’andamento dell’economia, quello delle retribuzioni e il livello di inflazione atteso, oltre alla speranza di vita) calcola la pensione futura. I cittadini saranno così informati sulla loro posizione contributiva e potranno conoscere quanti anni di contribuzione ci vorranno per acquisire il diritto alla pensione, in base alla normativa vigente.

Dal 2016 il servizio diventerà poi pienamente disponibile anche per i dipendenti pubblici e per i lavoratori con contribuzione versata ai fondi amministrati dall’Inps.

(Immagine: consulenza.soldiweb.com)