Sbloccati i bonus bebè 2014: ecco a chi andranno.

Arrivano i contributi per i nati nel 2014 grazie ad un decreto finalmente operativo: ecco le modalità per le famiglie aventi diritto.

Dopo un parto piuttosto lungo, finalmente si sbloccano i Bonus bebè del 2014.

Da poco pubblicato il relativo Decreto sulla Gazzetta Ufficiale, e dunque finalmente operativo dopo i molti proclami ed un travaglio burocratico alquanto complicato, il contributo alle famiglie diventa realtà. Inserito nella legge di Stabilità di due anni fa, attendeva il via libera che ora permetterà ad alcuni nuclei famigliari particolarmente disagiati – che hanno avuto o adottato un figlio nel 2014 – di avere quel contributo unico di 275 euro promesso dallo Stato.

A parità di condizioni ma diverso dal bonus di 80 o 160 euro pattuiti per i nati invece nell’anno 2015 (stanziati e confermati poi nella Legge di Stabilità successiva a quella entrata ora in vigore) questo provvedimento si riferisce in particolar modo a quelle famiglie che hanno avuto o adottato figli nel solo anno 2014 ma che non versano in situazioni economiche felici. Proprio perché già note al fisco, tali condizioni sul budget famigliare non devono essere ulteriormente dichiarate per ottenere il bonus (avendo già ottenuto in questi casi, ad esempio, la carta acquisti su cui è stato versato almeno un accredito) quindi non occorre presentare nessuna domanda o modulo specifico. La soglia resta un ISEE di 6781,86 euro al massimo.

Secondo i piani, entro la data 17 novembre tutte le famiglie aventi diritto riceveranno l’indennità concordata di 275 euro in un’unica soluzione per supportare parte delle spese necessarie a figli avuti o adottati due anni fa, ovvero il periodo in cui la manovra era stata concepita nei piani del Governo.

[foto: Persbaglio.files.wordpress.com]