Sciopero mezzi pubblici Roma 13 giugno (mentre gioca l’Italia)

Sciopero in vista sui mezzi urbani a Roma proprio mentre gioca la Nazionale, ma tutto sembra studiato per non creare troppi disagi

Gioca la Nazionale e si ferma l’Italia.
In senso letterale, visto che i trasporti pubblici della capitale per la giornata del 13 giugno prevedono un altro sciopero.

Nonostante la protesta prevista per i dipendenti della società ATAC ed organizzata dall’Ugl, poco o nulla scalfirà – almeno sulla carta – le abitudini dei tifosi italiani. “Abbiamo scelto un giorno e un orario che non creasse troppi disagi” rassicura Fabio Milloch (segretario nazionale autoferrotranvieri) secondo quanto riporta Repubblica.it. Ed è quello che si augurano tutti i tifosi romani di ritorno dal lavoro. Tuttavia, a parte l’attaccamento al calcio nazionale, restano valide e in primo piano le ragioni della protesta, ovvero quelle legate alla sicurezza dei passeggeri, costretti a viaggiare senza aria condizionata sin da ora, prima di un’estate che si prospetta a dir poco torrida

In agitazione dunque i lavoratori dell’ATAC che si asterranno dai servizi di regolare collegamento sulla rete di trasporti di Roma dalle 20.30 alle 0.30 di lunedì, per un blocco che complessivamente riguarderà le corse di tutti i bus, le linee metropolitane e le corse delle ferrovie concesse sulla rete (ovvero in particolare per le tratte Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civita Castellana-Viterbo).

Nel calendario della giornata affollata di appuntamenti, c’è quindi da segnalare che l’orario dello sciopero dei mezzi partirà in effetti solo 30 minuti prima del fischio d’inizio allo stadio di Lyon, dove la Nazionale incontrerà i belgi per il primo match degli Azzurri agli Europei 2016.

Per questo forse non si prevedono grossi disagi rispetto alla protesta indetta dai lavoratori dei trasporti dell’ATAC, non interferendo troppo con la circolazione frenetica dei pendolari-tifosi.

[foto: www.giornalettismo.com]