0 Shares 128 Views
00:00:00
18 Jun

Accordo Google Luxottica: il futuro dei Google Glass veste Ray-Ban

Michela Fiori - 25 marzo 2014
Michela Fiori
25 marzo 2014
128 Views
accordo google luxottica

In un futuro non molto lontano i vostri Ray-Ban avranno poteri “speciali”. E’ di queste ore l’accordo tra GoogleLuxottica attraverso il quale Big G affida al noto marchio milanese la produzione della nuova generazione dei Google Glass.

L’accordo vede come protagonisti principali i due marchi più famosi di Luxottica: Oakley e Ray-Ban. Mountain View dunque si affida allo stile italiano per rendere più cool i suoi Google Glass. “Si tratta di una collaborazione strategica di ampia portata – affermano le due aziende in una nota congiunta – per creare insieme dispositivi indossabili innovativi e iconici”.  “Pensiamo – ha aggiunto Andrea Guerra, Ceo del gruppo italiano – che sia giunto il momento di unire le competenze, il know-how e la forte attenzione alla qualità del prodotto che ci caratterizzano con l’altissima competenza tecnologica di Google per dare vita a una nuova generazione di dispositivi rivoluzionari”.

L’accordo con Luxottica consente a Google di rendere i Google glass più appetibili anche da un punto di vista  estetico e di avvicinarsi a un bacino di utenza più grande rispetto alla nicchia di mercato a cui ha dedicato le prime Explorer Edition. “Qui c’è un problema di moda molto più che un problema legato alla tecnologia – ha affermato Astro Teller, responsabile di Google per il progetto dei Google Glass – bisogna convincere le persone a indossare un computer sul loro viso”.

Per ora non sono noti i termini economici dell’accordo, quello che è certo, è che la partnership con Luxottica consente a Big G di avviare una nuova espansione commerciale, la casa milanese infatti controlla Sunglass Hut e LensCrafters, due rivenditori Usa che consentiranno a Google di piazzare i propri Glass in oltre 5.000 negozi retail statunitensi.

Per avere i vostri Ray-Ban con modulo Google Glass però dovrete aspettare un po’, l’accordo al momento è riservato al mercato americano.

 

 

Loading...

Vi consigliamo anche