0 Shares 10 Views
00:00:00
13 Dec

Anche Facebook vuole i suoi droni

Michela Fiori
5 marzo 2014
10 Views
drone facebook

La sfida tra Facebook e Google si sposta ad alta quota. Secondo fonti vicine a Zuckerberg, Facebook starebbe in trattative per acquistare Titan Aerospace l’azienda con sede a Washington che produce droni alimentati da energia solare. E così, dopo la bufala di Amazon Prime Air e la burla di Netflix, sembra davvero che un big dell’hi-tech sia in procinto di avere una flotta di droni tutta per sé.

Ma cosa ci fa Facebook con questi piccoli aerei a energia solare? La risposta è presto data: ci sfida Google. Nell’intenzione del giovane miliardario infatti ci sarebbe la volontà di estendere internet anche a quelle popolazioni che ad oggi non ne hanno ancora accesso. I droni di Facebook in sostanza avrebbero la stessa funzione dei palloni aerostatici di Google.

Se confermata dunque l’acquisizione di Titan Aerospace rientrerebbe nel progetto Internet.org, il progetto che Mr. Facebook ha illustrato nel corso del Mobile World Congress di Barcellona e che punta a connettere alla Rete quei 2/3 del pianeta che ancora non hanno accesso a Internet e fornire loro servizi di base gratuiti. Il progetto, che vede partner altisonanti come Samsung, Nokia, e Ericsson, è stato in parte criticato.

I più maligni vedono nell’intendo umanitario di Zuckerberg un tentativo più o meno celato di espandere la base utenti di Facebook e annessi. L’ingresso nei servizi interent ad alta quota inoltre permetterebbe a Zuckeberg di dare qualche fastidio alle mire espansionistiche e omnicomprensive di Google.

In base alle indiscrezioni la trattativa costerebbe a Zuckerberg 60 milioni di dollari per una flotta di 11mila droni. Una briciola se confrontati con i 19 miliardi spesi per la recente acquisizione di Whatsapp.

[foto: mashable]

Vi consigliamo anche