0 Shares 29 Views
00:00:00
16 Dec

Candy Crush: ecco perché la saga crea dipendenza

LaRedazione - 15 novembre 2013
LaRedazione
15 novembre 2013
29 Views

Gli psicologi hanno individuato ben 8 motivi che creano dipendenza per i giocatori di Candy Crush Saga, l’app gratuita del momento.

Dipendenza da caramelle: non quelle vere, di zucchero, bensì quelle virtuali! Le caramelle gelatinose e coloratissime del gioco del momento Candy Crush Saga, pare che siano una vera e propria dipendenza per migliaia di giocatori che, ogni giorno, si ritrovano on-line per cercare di proseguire i ben 485 livelli dell’app gratuita sviluppata dalla King.com.

Dipendenza accertata scientificamente da un rapporto del Times che individua in 10 punti i motivi di tale assuefazione che hanno portato Candy Crush ai vertici delle classifiche iOS, Android e Facebook.

Ecco brevemente i motivi riscontrati dall’indagine del Times che ‘incollano’ gli utenti al passatempo in questione.

Crea suspance, tiene sulle spine il giocatore che è ansioso di passare al livello successivo ma, una volta finite le ‘vite’ a disposizione, occorre attendere 30 minuti per ricominciare, oppure pagare per proseguire la partita;

-Premia il giocatore con feedback tipo ‘Seet 2’ e ‘Delicious’ che ricompensano l’utente;

Giocabilità con una sola mano: l’utente può nel frattempo mangiare, bere o fare altro. Perfetto perchè non impegna al 100% tutte le funzionalità manuali;

-Aggiornamento continuo: ogni 15 giorni aggiunti nuovi livelli che al momento si attestano ai 544;

È gratis ma permette di ‘acquistare’ delle vite a soli 0,89 centesimi per poter proseguire;

-Riporta con l’immagine delle caramelle ad una retrocessione, alla spensieratezza dell’infanzia;

-È ‘social’, sviluppato cioè per rimanere in contatto con gli amici e di condividere i punteggi ottenuti sulle principali piattaforme social, creando così anche delle sfide;

– La musichetta da carillon pare che rilassi e solleva dallo stress quotidiano, costituendo una via di fuga per l’utente;

Addirittura pare che il 32% dei giocatori di Candy Crush abbiano ammesso di aver ignorato famiglia ed impegni per dedicarsi a distruggere le file di caramelle, il 28% ammette di giocarci giocato durante l’orario lavorativo.

Per i non addetti, Candy Crush Saga è un rompicapo, un puzzle in cui bisogna allineare caramelle colorate con la finalità di farle esplodere in base allo schema corrente.

Un’idea, quella degli sviluppatori della King.com, che in realtà risulta essere semplice e modesta ma ,che deve il suo successo proprio ad una tale ‘elementarità’.

Semplicità che frutta però un giro di ben 600 mila dollari generati ogni giorno ed una stima di 46 milioni di utenti ogni mese.

Far uscire dalla dipendenza le ‘vittime’ di Candy Crush Saga pare che sia come costringere un fumatore incallito a smettere di fumare.

Loading...

Vi consigliamo anche