0 Shares 14 Views
00:00:00
14 Dec

Lively, l’app per scaricare i live dei concerti

LaRedazione
16 agosto 2013
14 Views

L’app Lively è stata frutto di un intuizione dell’imprenditore Dean Graziano che, riflettendo sull’eccessiva presenza di smartphone e foto/videocamere ai concerti, ha ideato con un paio di sviluppatori ed un ingegnere del suono, una straordinaria applicazione che permette di scaricare il file audio e il file video dei concerti in HD.

Finora, gli utenti attingevano i video live dei concerti, dalle clip a bassa qualità caricate amatorialmente su YouTube.
Ma con Lively, gli appassionati di musica potranno godere dei replay audio/video di un concerto, quasi appena dopo la fine dello spettacolo.
Potremmo andare finalmente ai concerti senza smartphone o fotocamera!

L’app è disponibile per piattaforma Android ed Apple; è stata lanciata a maggio, ma conta già circa 4000 download. Gli sviluppatori hanno firmato contratti, per adesso, con 20 band musicali.
I musicisti che intendono utilizzare Lively dovranno munirsi di un computer Mac o un iPad e il software audio di Lively. Collegando direttamente il Pc al mixer del palco, potranno registrare i file da distribuire successivamente agli utenti con Lively.

I file mp3 avranno un costo che si aggira intorno ai 4 euro, mentre i file video disponibili solo dopo 24 ore, saranno venduti a 7,50 euro.
Attenzione però: questi file saranno disponibili e scaricabili soltanto da quegli utenti che erano effettivamente presenti al concerto. Infatti l’acquisto dei file deve essere fatto sul posto, con un dispositivo che invii la posizione gps. L’intenzione è quella di tutelare comunque chi abbia pagato il biglietto dello spettacolo, e di lasciare intatta la soddisfazione ed il fascino che trasmette un concerto live.
Lively in altre parole, funziona soltanto con chi potrà dire: Io c’ero!

Per quanto riguarda i guadagni, il 30 per cento degli introiti andranno ad Apple e Android, a Lively il 21 per cento e, il restante 49 per cento, come è giusto che sia, andrà ai musicisti.

Con Lively probabilmente musicisti e case discografiche, sperano di limitare al minimo il fenomeno della pirateria. Inoltre secondo l’imprenditore Graziano, c’è molto spazio e ancora molte idee per implementare ulteriormente le potenzialità dell’app.

Vi consigliamo anche