0 Shares 21 Views
00:00:00
15 Dec

Vuoi avere WhatsApp sull’iPhone? Da oggi paghi l’abbonamento!

LaRedazione - 17 luglio 2013
LaRedazione
17 luglio 2013
21 Views

Abbonamento necessario per utilizzare WhatsApp sul proprio iPhone: un vero e proprio spauracchio per molti utenti, visto che da diverso tempo ha iniziato a circolare la necessità di pagare una quota per utilizzare quella che col tempo è diventata una delle più popolari applicazioni di messaggistica istantanea in assoluto. A dire il vero timori non troppo fondati considerando il modesto esborso economico richiesto, che non sarà superiore per tutti coloro che utilizzano il celebre melafonino. Quel che è certo al momento è che col nuovo aggiornamento di WhatsApp, appena rilasciato, anche gli utenti iPhone saranno soggetti ai costi in abbonamento del servizio, che erano già stati riservati agli utenti possessori di dispositivi Android.

Si tratta come detto di cifre comunque esigue, considerano che per il primo anno WhatsApp su iPhone continuerà ad essere gratuito, ed allo scadere dei primi dodici mesi il costo per l’utilizzo dell’applicazione sarà di ottantanove centesimi l’anno. Prezzo che potrebbe essere ancora inferiore se si sceglierà una formula di abbonamento pluriennale, considerando che per tre anni di utilizzo il costo sarà di due euro e quaranta (il che significa solo ottanta centesimi l’anno), mentre per un abbonamento di cinque anni si pagheranno tre euro e trentaquattro centesimi (dunque un costo inferiore ai settanta centesimi l’anno).

Tutto questo a fronte di un servizio immutato e sempre decisamente vantaggioso, visto che WhatsApp garantisce dal proprio smartphone un efficiente sistema di messaggistica istantanea in tempo reale che, grazie all’utilizzo di internet, riesce di fatto a tagliare drasticamente per un utente i costi relativi agli SMS. Oltre all’attivazione del servizio in abbonamento, con l’aggiornamento di WhatsApp sono state rese disponibili nuove funzionalità, come la possibilità di scambiarsi immagini con i propri contatti, o uno spazio in Cloud per poter salvare le proprie conversazioni.

Un particolare importante da sottolineare è che comunque tutti coloro che hanno già installato WhatsApp sul proprio smartphone, potranno continuare ad utilizzarlo senza pagare l’abbonamento, e che i nuovi costi riguardano esclusivamente coloro che inizieranno ad utilizzare al servizio scaricandolo a partire dal momento della disponibilità del nuovo aggiornamento. Esistono comunque delle alternative per tutti coloro che non gradiscono usare un’applicazione a pagamento per mandare messaggi ai propri contatti: tra le app simili a WhatsApp vanno segnalate la messaggistica di Facebook, ChatOn ed il sempreverde Skype.

Loading...

Vi consigliamo anche