0 Shares 9 Views
00:00:00
13 Dec

Apple: deludono le vendite di iPhone, Borsa in ribasso

LaRedazione
29 gennaio 2014
9 Views
apple vendite deludenti

Deludono le aspettative di vendite di iPhone e l’azienda di Cupertino inizia ad essere preoccupata per l’incalzare della concorrenza mentre i titoli in borsa sono in ribasso per la Apple.

I dati dell’ultima trimestrale del 2013 sono infatti abbastanza deludenti per l’azienda californiana, nonostante un incremento medio delle vendite e soprattutto dell’utile per ogni singola azione dell’azienda. Gli analisti avevano previsto un valore di 14,07 dollari per ogni azione dell’azienda, che invece si è assestata ad un valore medio di 14,50 dollari. L’utile netto di Apple si è confermato appena sopra i tredici miliardi di dollari, restando praticamente stazionario: i ricavi complessivi relativi ad iPhone sono risultati superiori alle previsioni di circa cento milioni di dollari.

Dati in apparenza positivi, che non hanno convinto però gli investitori, che si aspettavano un impatto decisamente più positivo sui conti di Apple dall’uscita di iPhone 5S. Una delusione generale che è costata al momento per l’azienda di Cupertino un calo in borsa del 7,9%, segno inequivocabile della scarsa fiducia che gli investitori hanno riposto nelle ultime mosse commerciali della casa californiana. Una delusione che è riscontrabile da dati come il terzo calo consecutivo nelle trimestrali del margine di guadagno lordo di Apple, sceso dal 38,6% fino al 37,4%, ovvero di oltre un punto percentuale, nel corso degli ultimi dodici mesi. In generale, il volume di ricavi di Apple si è assestato sui 44 miliardi di dollari, rispetto ai 46 inizialmente previsti.

Ma non è finita qui, visto che nell’ultimo trimestre sono state le vendite di iPhone, ormai da anni cavallo di battaglia di Apple, a deludere in particolar modo le previsioni di chi opera nella borsa americana. Negli ultimi novanta giorni dell’anno infatti l’azienda di Cupertino è riuscita a piazzare un numero in apparenza importante di iPhone sul mercato, 51 milioni di pezzi. Gli investitori in borsa si attendevano però un volume di almeno 55 milioni di iPhone venduti, e questi quattro milioni in meno hanno finito per pesare in maniera piuttosto significativa sulla sfiducia raccolta sul mercato azionario da Apple.

Le cose migliorano se si considerano le vendite di iPad rispetto alle iniziali previsioni. Apple ha piazzato sul mercato 26 milioni di unità dei propri tablet, a fronte di previsioni che si assestavano sui 24 milioni e mezzo di pezzi.

Considerando che anche i Macintosh hanno incrementato la loro quota sul mercato di circa trecentomila pezzi in più rispetto alle previsioni, è evidente che la pesante flessione sul mercato azionario sia imputabile in grandissima parte alla delusione per le vendite di iPhone, che hanno causato il ribasso dei titoli Apple in borsa.

Vi consigliamo anche