0 Shares 25 Views
00:00:00
12 Dec

Google Reader chiude l’1 luglio 2013, i motivi e le alternative

14 marzo 2013
25 Views

La notizia del momento è la chiusura da parte di Google del Reader, il servizio che aggrega le news e permette di leggere i contenuti più interessanti classificandoli per categoria e genere di appartenenza: Google ha fatto sapere che Reader sarà spento il prossimo 1 luglio 2013, senza fornire indicazioni sui motivi che hanno portato a questa decisione.

Quali alternative considerare se si è appassionati di Google Reader e ci si sta già dannando l'anima per la chiusura di luglio?

Più di qualche servizio è già in uso e altri probabilmente si aggiungeranno in questi mesi per colmare il vuoto lasciato da Google Reader ma in attesa di sapere quale sarà il più gettonato/richiesto a disposizione ci sono già il ben fatto FeedReader ma anche Netvibes e Feedly che ha già proposto la sua alternativa alla chiusura di Reader, un servizio chiamato Normandy che girerà su Google App Engine.

La prima cosa da fare per non perdere nulla di quello che si è archiviato è spostare tutto direttamente nel nuovo feed usando Google Takeout così da lasciare invariata la lista delle letture preferite; chiaramente a fare la differenza tra un lettore e un altro sarà l'usabilità ma anche quanto riuscirà a rispettare le abitudini di lettura dell'utente che in Google Reader ha sempre trovato uno strumento affidabile, semplice e molto versatile.

La motivazione dietro la scelta di Google di chiudere Reader non è affatto difficile da comprendere: la fruizione dei contenuti avviene sempre più in maniera sociale e la voglia di allargare il campo d'azione di Google Plus potrebbe spingere Google a razionalizzare gli spazi e ottimizzare le risorse per fornire un'esperienza d'uso a 360° anche sul mobile.

Dal 2011 Google ha chiuso ben 70 servizi considerati non essenziali e non redditizi

Vi consigliamo anche