Bollette gonfiate, l’Authority blocca Telecom

Decisione importante da parte dell’Antitrust che, a seguito delle tante segnalazioni, ha stabilito che Telecom deve avviare la sospensione dei distacchi di linea a quei clienti che non pagano le chiamate satellitari fatturate in bolletta e che gli utenti affermano di non avere mai fatto.

L’Autorità ha preso questa decisione nell’ambito di una istruttoria avviata lo scorso febbraio nei confronti Telecom Italia, di Elsacom e di altre sette società: Globalstar Europe, Csinfo, Eutelia, Karupa, 10993 srl, Teleunit e Voiceplus.

L’Autorità ha ritenuto di intervenire con misure cautelari, considerata la gravità della fattispecie che si configura come una pratica commerciale aggressiva, e il danno irrimediabile subito dai consumatori a seguito del distacco della linea telefonica.

L’istruttoria vuole verificare se Telecom non ha fatto nulla per evitare il fenomeno e ha invece preteso il pagamento immediato delle somme paventando agli utenti, in caso contrario, il distacco dalla linea telefonica; l’indagine è diretta anche ad accertare se, all’origine delle fatturazioni, vi sia l’installazione, da parte di società non riconducibili a Telecom Italia, durante la navigazione in Internet, di dialers sui computer dell’utente a sua insaputa.

Diversa la posizione di Elsacom e delle altre sette società coinvolte: in questo caso l’Antitrust ha spiegato che "i comportamenti oggetto di contestazione" riguardano la "fornitura di servizi di comunicazione non richiesti".