0 Shares 9 Views
00:00:00
11 Dec
Senza categoria

California: Corte grazia donna che guida con Google Glass

LaRedazione
17 gennaio 2014
9 Views
google glass cecilia

Il 30 ottobre 2013 una signora iscritta all’elenco di tester di Google, Cecilia Abadie, è stata fermata da un poliziotto e multata perché indossava i nuovi Google Glass. Secondo una legge californiana infatti, al conducente non è permesso visualizzare informazioni su schermo quando il veicolo è in movimento. Il poliziotto, ritenendo che i Google Glass potessero distrarla dalla guida, l’ha multata.

Tuttavia, la vicenda è finita in tribunale e il verdetto della San Diego County Traffic Court non si è fatto attendere. La Corte, infatti, ha ritenuta non colpevole Cecilia Abadie poiché il poliziotto non è stato in grado di fornire prove sufficienti sull’effettivo stato di attività degli occhiali al momento della multa. Questa sentenza rischia così di essere un precedente per le contravvenzioni che potrebbero arrivare dopo la commercializzazione dei nuovi occhiali.

Per chi ancora non fosse a conoscenza del nuovo prodotto della casa di Mountain View, i Google Glass sono dei particolari occhiali che consentono agli occhi di chi li indossa di restare sempre aggiornato sui social network preferiti, visualizzare gli ultimi messaggi del proprio smartphone rispondendo con un comando vocale, visualizzare indicazioni stradali durante la guida, ascoltare musica e molto altro ancora.

La difesa della donna è stata tutta incentrata sul fatto che, essendo i Google Glass attivabili dal movimento delle palpebre e gestibili attraverso comandi vocali senza l’uso delle mani, essi non costituiscono effettivo intralcio all’attenzione del guidatore. Questo permetterebbe alle persone di non distrarsi mentre sono al volante, o in ogni caso avere una distrazione minore rispetto all’utilizzo di uno smartphone durante la guida o di uno schermo montato nell’autovettura.

Questa sentenza, che consente l’utilizzo dei Google Glass mentre si è alla guida del proprio veicolo, aprirà sicuramente un lungo dibattito su quanto la nuova tecnologia possa distrarre il guidatore.

Vi consigliamo anche