EBay utile solo agli acquirenti

Secondo uno studio del comportamento degli utenti di eBay nel 2003 compiuta da due esperti di statistica della business school Robert H. Smith dell’Università del Maryland, a beneficiare al massimo di eBay, per il risparmio che questo tipo di sistema offre, sono gli acquirenti e non i venditori.

Lo studio calcola il cosidetto "surplus dei consumatori", ovvero la differenza tra il prezzo massimo che un acquirente è disposto a spendere e quello che realmente finisce per pagare; in base a ciò, dicono gli studiosi, nelle aste di eBay il vincitore paga soltanto poco di più di quanto aveva offerto il secondo miglior offerente e dunque la differenza tra il prezzo massimo fissato dal vincitore e quanto ha pagato realmente indica il surplus del consumatore.

"Il surplus dei consumatori solitamente è molto difficile da calcolare", ha detto Galit Shmueli, uno degli autori dello studio. "Il problema è riuscire a scoprire quanto un compratore sarebbe stato realmente disposto a spendere. Un commesso di un negozio non otterrebbe mai una risposta accurata se domandasse ai suoi clienti quanto sarebbero disposti a pagare per il prodotto che stanno comprando".

Nel 2003 secondo lo studio i compratori hanno risparmiato circa 4,7 miliardi di euro che sarebbero stati pronti a tirare fuori per comprare i prodotti a cui erano interessati; nel 2004 gli acquirenti avrebbero risparmiato 5,7 miliardi di euro circa.

Il tutto a discapito dei venditori che per ogni asta rischiano di perdere circa il 30% del totale del valore del bene venduto.