Google allarma gli utenti

Secondo Google un sito su mille è infetto e può provocare danni ad un utente che lo visita.

Grazie alla sufficienza con la quale vengono configurati i server web in giro per il mondo i siti internet, infatti, si stanno trasformando in portatori sani di malware che attaccano gli ignari utenti che li visitano.

Secondo Google il paese con il più alto numero di siti infetti è la Cina (67%). Seguono staccati di molto Stati Uniti (15%) e Russia (4%).

Google informa inoltre che l’1,3% delle ricerche effettuate sul proprio motore di ricerca mette in contatto l’utente con un sito infetto.