0 Shares 10 Views
00:00:00
11 Dec

I Google Glass provocano forti emicranie

LaRedazione
19 febbraio 2014
10 Views
i google glass provocano mal di testa2

Google Glass potrebbero dare alla testa. Anzi, provocare dolorose e ricorrenti emicranie. Lo ha rivelato, sul blog della Cnet, uno dei protagonisti dello sviluppo e del perfezionamento dei particolarissimi occhiali. Chris Barrett, il primo ad avere filmato un arresto attraverso il dispositivo del colosso di Mountain View, è sicuro di quel che dice.

Gli sviluppatori di Google dispongono dei particolarissimi occhiali da circa un anno, con poco più di 12 mesi d’anticipo sul previsto lancio sul mercato. L’aspetto è quello di normalissimi occhiali. Occhiali a potenzialità aumentata, però, capaci di girare filmati, scattare fotografie, adattarsi a qualsiasi volto, presentare a chi li indossa un display che appare come un monitor da ben 25 pollici piazzato a due metri di distanza. Wi-fi, tecnologia Bluetooth, audio e 12 gigabyte completano il dispositivo, oltre alle varie app già studiate da Google, come da partner già prescelti, o in fase di test.

Unico difetto, l’emicrania. La causa, secondo Chris Barrett, risiede nel continuo spostamento dell’occhio, verso l’angolo superiore posto a destra, alla ricerca del display e delle informazioni che via via appaiono. Il movimento incessante dell’occhio, con lo sguardo che si concentra ora sui contenuti degli occhiali, ora sul mondo al di là delle lenti, sarebbe insomma una causa, o una concausa, di quanto rilevato da Barrett.

Lo sviluppatore spiega di avere indossato per mesi, ogni giorno, i Google Glass, sul lavoro, alla guida, mentre faceva la spesa al supermercato o si concedeva una pausa caffè.

Entusiasta, ha iniziato da subito a impiegare tutte le funzioni offerte dal dispositivo. Ha compiuto ricerche su ricerche su Google, per una navigazione web pressoché ininterrotta, ha scattato centinaia di fotografie, ha girato filmati da mostrare agli amici.

La sorpresa, sgradevole, è arrivata nel volgere di qualche ora. Chris Barrett ha raccontato di aver iniziato ad avvertire mal di testa e di essersi stupito, perché, di solito, non soffre d’emicrania.

È vero che i test servono a valutare pregi, difetti e controindicazioni di un prodotto, compresi quelli dall’alto tasso tecnologico. Per questo, Chris Barrett non drammatizza. Invita Google ad avvertire i consumatori, ai quali i Google Glass dovrebbero giungere entro quest’anno, che l’uso prolungato può provocare mal di testa. Un po’ come accade, a molti, quando siedono per ore davanti a uno schermo. Nessun problema se i Google Glass sono impiegati con moderazione.

 

Vi consigliamo anche