I file audio sempre più compressi

L’università americana di Rochester, nello stato di Ney York, è riuscita a trovare il modo di comprimere i file musicali mille volte di più dei normali mp3.

Una splendida notizia per chi divora musica e riesce a riempire l’ipod di canzoni nonostante ormai arrivino fino a 160 GB. La compressione audio è una tecnica che permette di ridurre le dimensioni di un file in pochissimo spazio e nel minor tempo possibile.

A Las Vegas è stato presentato il primo file così compresso: un assolo di 20 secondi di clarinetto contenuto in un solo kilobyte.

Questo è stato possibile grazie al lavoro di un equipe di ricercatori dell’università di Rochester che ha "insegnato" al computer come i movimenti delle dita, della lingua e del fiato riproducono il suono.

Il computer così ha "imparato" quali sono gli effetti provocati dal movimento del clarinettista, ha scomposto il suono nelle sue componenti e l’ha archiviato in pochissimo spazio, un kilobyte appunto.

Durante la miniaturizzazione il file ha una perdita molto bassa della qualità del suono, ma i ricercatori stanno cercando di eliminarla. Quindi mettete a ricaricare la batteria dei vostri vecchi ipod da pochi giga perchè in futuro potranno contenere più canzoni di quelli attualmente in commercio.