Il cellulare quando si guida non si usa

Se si usa il cellulare in macchina si è passibili di multa, non solo se non lo si fa parlando tramite auricolare o vivavoce ma anche se si decide di voler cercare un numero telefonico da chiamare.

Lo ha stabilito la Cassazione che bocciato il ricorso con il quale un automobilista piemontese, Enrico M. di Marengo Spinetta (Al), contestava il verbale con il quale i carabinieri lo avevano multato mentre, alla guida, cercava un numero nella rubrica del suo cellulare.

Secondo la Cassazione "la ricerca di dati sul cellulare determina una distrazione implicando lo spostamento dell’attenzione dalla guida all’utilizzazione dell’apparecchio, o lo sviamento della vista dalla strada".


"Inoltre"
, aggiunge la Cassazione, "l’impegno di una delle mani sul telefonino comporta un ritardo nell’azionare, ove necessario, i sistemi di guida il che non è concepibile dal momento che le esigenze di condizione del veicolo possono richiedere tempi psicotecnici di reazione immediati".

La Cassazione ha applicato l’articolo 140 del Codice della strada secondo cui "gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo od intralcio per la circolazione e in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale".

La Cassazione ha così confermato la multa ma a noi resta il dubbio: se per telefonare, usando l’auricolare o il vivavoce si ha bisogno di un numero telefonico memorizzato in rubrica, come si fa? Ci si affida alla memoria? Ci si accosta sulla prima piazzola di emergenza?