iTunes Apple tratta per i film a noleggio

Secondo il Wall Street Journal, Apple sarebbe in trattative per offrire il noleggio di film appena usciti in sale attraverso il suo iTunes, così come confermato anche dal Financial Times.

Ogni film in affitto dovrebbe costare 2,99 dollari (contro i 14,99 dollari delle prime visioni) e sarebbe disponibile, almeno secondo le intenzioni della Apple, per 30 giorni oltre ad essere trasferibile su un apparecchio esterno come l’iPod o l’iPhone.

In realtà Apple su iTunes rende già disponibili film e materiali dei grandi studios hollywoodiani ma limitatamente a Paramount e Disney; gli altri attori del mercato non sono ancora migrati online in quanto convinti che l’offerta su Internet di film potrebbe danneggiare le vendite del mercato legato alla vendita e all’affitto dei dvd.

Sembra però che la proposta della Apple, relativa alla possibilità di far noleggiare tramite iTunes i film, sia piaciuta agli studios di Hollywood se è vero che come scrive il Financial Times “i film scaricati per il noleggio molto difficilmente potrebbero danneggiare le vendite dei DVD”.

Della stessa opinione il Wall Street Journal secondo cui “se Apple riuscisse a convincere Hollywood a mettere a noleggio le nuove uscite, potrebbe in questo modo spianare la strada alla successiva vendita” nonostante lo scetticismo degli studios proprio relativamente al prezzo (Apple vende le nuove uscite a 14,99 dollari rispetto al prezzo di 18 dollari dei dvd) che “potrebbe potenzialmente pregiudicare una primaria fonte di reddito per gli studi”.

Stando al Los Angeles Times gli studi di Hollywood temono anche l’impatto che potrebbe avere sul settore della distribuzione cinematografica online l’ampliamento del catalogo digitale della Apple e che potrebbe portare la casa di Steve Jobs ad un ampliamento spropositato della sua forza contrattuale, deleteria per il mercato cinematografico.

Non è ancora chiaro quali case cinematografiche aderiranno all’iniziativa ma è chiaro che quelle che aderiranno potranno contare su una nuova e interessante forma di pubblicità e nuove, redditizie, entrate.

Senza contare l’enorme potere che acquisirebbe Apple con questa mossa, che le permetterebbe di diventare leader nella distribuzione di prodotti cinematografici online come già accade per i prodotti musicali, anche grazie al varo della Apple Tv lo scorso gennaio.