Life chiude e si reinventa online

La storica rivista americana Life, dedicata quasi esclusivamente alla fotografia d’autore, chiude i battenti e si reinventa online.

La versione cartacea di Life, distribuita dal 2004 in allegato con dei quotidiani americani, smetterà così di esistere e rivivrà solo su Internet dal 2o aprile; ciò è dovuto, ha detto l’editore Time Inc, alla crisi della stampa cartacea che sta portando alla necessità di ridisegnare il mercato.

“La crescita comporta dei rischi, e le potenzialità erano notevoli, ma sfortunatamente il tempo ha lavorato contro di noi”, ha detto l’amministratore delegato di Time, Ann Moore. “Il mercato è mutato drammaticamente dall’ottobre 2004, è non ha più senso continuare a pubblicare Life come supplemento”.

La prima versione di Life era settimanale e smise di esistere nel 1972, per risorgere come mensile nel 1978; la pubblicazione di Life fu nuovamente interrotta nel 2002, ma dal 2004 Life ricomparve come allegato dei principali quotidiani statunitensi.

Time renderà disponibile online la collezione di Life di oltre 10 milioni di immagini, con “la più importante collezione di immagini che coprono eventi e persone del ventesimo secolo” disponibili per uso personale.