0 Shares 14 Views
00:00:00
13 Dec

Nintendo 3DS: recensione e informazioni utili

22 marzo 2011
14 Views

Lo scorso fine settimana abbiamo avuto modo di provare il Nintendo 3DS, l’ultimo gioiellino portatile della casa nipponica che sarà sul mercato il prossimo 25 marzo pronto a sfidare la concorrenza delle altre console portatili e ad accalappiare anche i tecnomaniaci.

La nostra prova è stata con il giochino Nintendogs + Cats che sarà disponibile fin da subito per la console Nintendo e il risultato è stato divertente e soprattutto diverso da come lo aspettavamo.

I due schermi del 3DS funzionano perfettamente e quello superiore non disturba affatto la vista nonostante l’effetto tridimensionale senza gli occhialini: anzi, è possibile regolare la tridimensionalità delle immagini a proprio piacimento scegliendo tra una maggiore e una minore fino ad azzerare completamente il 3D.

Il cane saltellante, in versione 3D, è a dir poco sensazionale e sembra uscire direttamente dallo schermo senza affaticare gli occhi nonostante una dipendenza a nostro effetto decisiva dalla luce esterna: in condizioni normali di luce il 3DS funziona perfettamente e non crea problemi ma con la luce forte, o con la luce contro, la visione tridimensionale risulta alterata e gli occhi ne risentono. Ovviamente si tratta di un limite facilmente aggirabile e che per questo motivo non è considerabile un limite.

A livello estetico il 3DS è molto simile al predecessore con l’aggiunta di però di un joystick, di tre nuovi tasti sotto il touchscreen e di due fotocamere esterne che sono in grado di scattare foto in 3D a bassa risoluzione che possono essere salvate sula scheda SD fornita insieme alla console; le dimensioni del 3DS quando è chiuso sono 5,3 pollici di larghezza, 2.9 centimetri di lunghezza, 0,8 centimetri di altezza per un peso di circa 8 grammi. Le dimensioni dello schermo superiore sono di 3,53 pollici con ampio schermo 3D senza uso di occhialini e risoluzione 800×240 pixel (ogni occhio gestisce 400 pixel per la visualizzazione 3D), mentre lo schermo inferiore è leggermente più piccolo, 3,02 pollici e una risoluzione di 320×240 pixel.

Nintendo 3DS costerà in Italia 259 euro e non sarà venduto ai bambini che hanno meno di 6 anni: lo scopo è potenziarsi sul mercato degli adulti ma a ben vedere la console è troppo fanciullesca per poter competere con i potenziali rivali che stanno arrivando e che davvero possono proporre un 3D senza occhialini accattivante per gli adulti.

Sicuramente il 3DS farà boom tra i giovanissimi ma stentiamo a credere riesca a fare breccia nel cuore degli adulti che pagando di più a breve potranno permettersi cellulari e soprattutto tablet con 3D integrato senza occhialini, con maggiore memoria, fotocamere più potenti, un browser per navigare su Internet e, perchè no, anche linea telefonica.

Vi consigliamo anche