Oggi l’iniziativa M’illumino di meno

Torna come ogni anno M’illumino di meno, l’iniziativa lanciata dal programma di Radio 2 Caterpillar (in onda dal lunedì al venerdì alle 18.00), allo scopo di promuovere il risparmio energetico.

L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili il 15 febbraio 2008 a partire dalle ore 18; semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, società sportive, istituzioni, associazioni di volontariato, università, commercianti e artigiani saranno così uniti da una sorta di gara a chi risparmia di più.

Si tratta di una gara che lo scorso anno ha prodotto, secondo i dati di Terna, il gestore della rete elettrica nazionale, un minor assorbimento di potenza sulla rete elettrica nazionale pari a circa 300 megawatt, equivalente al consumo di 5 milioni di lampadine. E tutto questo solo nei primi cinque minuti della messa in onda della trasmissione.

Per questo nel nostro Paese rimarranno simbolicamente al buio tutte le più grandi città d’Italia e centinaia di piccoli comuni: si spegneranno l’Arena di Verona, la Mole Antonelliana e Piazza Castello a Torino, Piazza San Marco a Venezia, Piazzale Michelangelo a Firenze, il Maschio Angioino a Napoli, Piazza Maggiore a Bologna, il Duomo e Piazza della Scala a Milano, Piazza dei Miracoli a Pisa, Piazza del Campo a Siena, Piazza della Libertà a Bari, la Valle dei Templi ad Agrigento, la Fontana Maggiore a Perugia, il Teatro Massimo a Palermo, i castelli della Valle d’Aosta.

Numerose le adesioni delle ambasciate estere a Roma, come quella britannica, quella tedesca, quella portoghese, quella di Svezia e molte altre che spegneranno le loro sedi diplomatiche. Ma anche Parigi, Vienna, Atene, Barcellona, Dublino, Edimburgo, Palma de Mallorca, Lubiana e altre decine di piccole città della Germania, come Tübingen, della Spagna come Tarragona o come Chester in Inghilterra, Hargarita in Romania e Sens in Francia, si “illumineranno di meno".