0 Shares 10 Views
00:00:00
12 Dec

Tracciamento iPhone: la risposta di Apple

28 aprile 2011
10 Views

Nei giorni a ridosso di Pasqua una notizia aveva sconvolto un po’ tutti: l’iPhone traccerebbe gli utenti permettendo alla Apple di sapere dove si trovano e soprattutto cosa fanno con il loro mobile. Dopo un tira e molla di indiscrezioni, finalmente la Apple ha risposto a queste indiscrezioni con un comunicato stampa nel quale spiega esattamente la sua posizione e smentisce quanto trapelato.

Il file che traccerebbe gli spostamenti degli utenti su iPad 3G e iPhone si chiama consolidated.db ma, ha fatto sapere Apple, è utilizzato solo e soltanto se gli utenti hanno problemi con il loro device e viene sfruttato solo se sono gli utenti a chiedere assistenza e dunque acconsentono di fatto alla verifica del proprio apparecchio.

Inoltre Apple ha fatto sapere che le informazioni restano anonime e che servono per fornire maggiori garanzie alle applicazioni utilizzate dagli utenti come di fatto è specificato anche nella policy in cui si legge che "per fornire servizi di geolocalizzazione sui prodotti propri prodotti, Apple e i suoi partner possono raccogliere, utilizzare e condividere dati precisi della vostra localizzazione, tra cui la posizione geografica in tempo reale del vostro computer o terminale".

Nonostante questo Cupertino ha fatto anche sapere che a breve sarà disponibile un aggiornamento del sistema operativo iOS 4 che permetterà di registrare meno informazioni all’interno del file consolidated.db e che il file stesso sarà cifrato in maniera drastica con il prossimo aggiornamento del sistema operativo.

Per quel che riguarda invece la registrazione della posizione dell’utente con i servizi di localizzazione spenti, Apple ha fatto sapere che si tratta di un bug che sarà corretto in futuro.

Si attende adesso la risposta ufficiale di Google accusato di localizzare e tracciare gli spostamenti degli utenti che utilizzano Android e che per ora ha solo dichiarato in via ufficiosa che la cronologia degli spostamenti viene conservata solo per una settimana e solo se l’utente ha accettato.

Vi consigliamo anche