0 Shares 10 Views
00:00:00
11 Dec

Tv, cellulare, Internet i più amati

16 gennaio 2008
10 Views

Secondo i dati dell’ultima rilevazione (2007) dell’Istat sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle case degli italiani, tv e cellulare sono i beni tecnologici più amati e posseduti nel Belpaese.

L’indagine, svolta nel febbraio 2007, riguarda sia la disponibilità nelle famiglie delle nuove tecnologie, sia il loro utilizzo da parte degli individui.

La televisione è presente nel 95,9% delle famiglie e il cellulare nell’85,5%. Seguono il videoregistratore (62%), il lettore dvd (56,7%), il personal computer (47,8%) e l’accesso ad Internet (38,8%); tra i beni tecnologici presenti nelle famiglie hanno un certo rilievo anche l’antenna parabolica (28,6%), la videocamera (26,1%), il decoder digitale terrestre (19,3%) e la consolle per videogiochi (17,5%).

Rispetto al 2006, è aumentato il possesso del lettore dvd (dal 51,7% al 56,7%) a discapito del videoregistratore, tecnologia questa in continuo calo (dal 64,3% al 62%); in aumento anche la quota di famiglie che possiedono il decoder digitale terrestre (dal 15,5% al 19,3%), il cellulare (dall’82,3 all’85,5%), l’antenna parabolica (dal 25,6% al 28,6%) e il personal computer (dal 46,1% al 47,8%).

L’accesso a Internet è passato dal 35,6% al 38,8% ed è migliorata anche la qualità della connessione usata per accedervi da casa: diminuisce, infatti, la quota di connessioni a banda stretta (tramite linea telefonica tradizionale o linea telefonica Isdn) che passa dal 18,7% al 14,7% e aumenta, invece, la quota di famiglie con connessione a banda larga (linea telefonica adsl o altro tipo di connessione a banda larga), che passando dal 14,4% al 22,6%.

Siamo però al 18esimo posto in Europa, considerando la percentuale di famiglie con almeno un componente tra i 16 e i 64 anni che possiedono un accesso ad Internet da casa; rispetto alla media del 54% l’Italia ha un tasso del 43%, posizionandosi tra Lituania e Polonia. Olanda, Svezia e Danimarca registrano un tasso quasi doppio.

Per quanto riguarda Internet le persone che si sono connesse ad Internet negli ultimi 3 mesi hanno utilizzato la Rete soprattutto per comunicare attraverso l’uso della posta elettronica, ovvero per mandare o ricevere email (77,3%), per cercare informazioni su merci e servizi (64,8) e per apprendere (54,7%); di rilievo è la quota di chi si connette al Web per usare servizi relativi a viaggi e soggiorni (43,4%) e per leggere o scaricare giornali, news, riviste (43,1%). Sono meno diffuse le attività relative alla spedizione di moduli della p.a. (10,7%) e la vendita di merci o servizi (8,8%).

Nell’ultimo anno si registra inoltre un incremento di molte attività praticate su internet; gli aumenti più significativi si registrano per leggere o scaricare giornali, news, riviste (che passa dal 33,9% del 2006 al 43,1% del 2007), in aumento anche giocare o scaricare giochi, immagini, musica (dal 32,3% al 39,9%) e la fruizione di radio e tv sul web (dal 14,8% al 21,4%). Tra le attività di comunicazione telematica aumenta di circa 5 punti percentuali il telefonare su Internet, partecipare a video conferenze (dall’8,6% al 13,7%).

Gli uomini sono più attivi nello scaricare software, cercare informazioni su merci e servizi, vendere merci o servizi, usare servizi bancari, nella fruizione di prodotti culturali e attività ludiche; gli uomini che scaricano software sono 37% contro il 18,7% delle donne; quelli che giocano o scaricano giochi, immagini e file musicali in rete sono il 44,2% contro il 34,4%.

Le donne usano di più il web per informazioni su malattie, alimentazione e miglioramento della salute (42% delle donne contro il 34,4% degli uomini) e per informazioni su attività di istruzione o corsi (34,5% contro il 28,8% degli uomini).

Vi consigliamo anche