Yahoo licenzia tutti per colpa di Google

Tira aria crisi in Yahoo che, per rilanciarsi, starebbe decidendo di tagliare posti di lavoro pari al 5% della forza lavoro.

"Yahoo intende investire in alcuni settori, ridurre alcune aree ed eliminarne altre che non sono in linea con le priorità della società"
, ha dichiarato il portavoce dell’azienda Diana Wong.

Lo scopo di Yahoo è di rilanciarsi sulla base delle indicazioni di Jerry Yang, amministratore delegato della società, secondo cui la società deve diventare un punto di riferimento per gli utenti di Internet, deve incrementare gli investimenti pubblicitari e dare la possibilità di accedere alle infrastrutture tecnologiche del gruppo a programmatori esterni alla società.

Il problema, come al solito, è legato all’eccesso di potere di Google nel settore della ricerca e in tutto ciò che riguarda Internet: Google registra infatti il 32% dei ricavi pubblicitari sul Web contro il 20% di Yahoo! quando solo due anni fa i due attori erano pari.

E mentre c’è chi fa i calcoli, sostenendo che se i licenziamenti riguarderanno 2500 persone per Yahoo ci sarà un risparmio annuale di 150 milioni di dollari, si attende l’annuncio ufficiale da parte della società previsto per il prossimo 29 gennaio.