0 Shares 11 Views
00:00:00
11 Dec

La Cina presenta Cos, il sistema operativo che sfida Google

LaRedazione
22 gennaio 2014
11 Views
La Cina presenta Cos, il sistema operativo che sfida Google

In seguito allo scandalo Datagate, anche la Cina non si fida più dei sistemi operativi americani e ha deciso quindi di realizzarne uno in proprio: stiamo parlando di Cos, il primo sistema operativo statale della Repubblica Popolare Cinese che girerà sui dispositivi mobili, con l’obiettivo di rimpiazzare (per quanto possibile) iOs e Android, rompendo così il duopolio imposto da Google e Apple nel corso degli anni.

Cos, infatti, è l’acronimo di China Operating System ed è il frutto della collaborazione tra il governo cinese, l’istituto di software afferente all’Accademia delle Scienze e una società informatica, la Shanghai Liantong.

In buona sostanza, il core di Cos si basa sul kernel open-source di Linux ma solo concettualmente: come ha spiegato un top manager della Liantong in un’intervista rilasciata al quotidiano Global Times, il codice è stato interamente riscritto da zero, in questa maniera si è ottenuta la possibilità di poter installare Cos non solo sugli smartphone, ma anche sui tablet e soprattutto sui computer da tavolo.

La priorità degli sviluppatori cinesi, inoltre, è stata quella di rendere Cos un sistema operativo compatibile con la gran parte delle app disponibili in commercio: in questo modo, pur non disponendo di Android o iOs, sarà possibile utilizzare programmi come Mozilla Firefox per la navigazione sul web, WhatsApp per comunicare in tempo reale con i tuoi contatti e Angry Birds per trascorrere un momento di puro svago.

Al momento non sono ancora stati resi noti i dispositivi su cui dovrebbe girare Cos, ma dalla Shanghai Liantong fanno sapere che già esistono diversi modelli di smartphone dove l’installazione del sistema operativo cinese è avvenuta con successo e senza intoppi.

Tra i produttori che dovrebbero supportare Cos ci sarebbe anche un colosso come Htc, tuttavia la compagnia taiwanese non ha ancora espresso una posizione ufficiale sulla questione, ma se le voci venissero confermate si tratterebbe di una partnership davvero importante. Del resto, Cos è nato per diventare il sistema operativo più diffuso all’interno del territorio cinese e non una semplice alternativa a iOs, Android e Windows Phone. Ricordiamo che, al momento, a imporsi sul mercato cinese è Google, il cui sistema operativo è usato dal 90 per cento dei dispositivi mobili.

I timori legati a Cos sono dovuti al fatto che l’imposizione di un sistema operativo statale sia un ulteriore strumento subdolo che il governo cinese intende usare per controllare ancora meglio la rete internet, ed è infatti risaputo che in Cina la libertà sul web sia piuttosto limitata rispetto ad altre nazioni.

 

Vi consigliamo anche