0 Shares 15 Views
00:00:00
18 Dec

Nokia: cosa succederà dopo l’acquisto di Microsoft?

LaRedazione - 5 settembre 2013
LaRedazione
5 settembre 2013
15 Views

La notizia che ha sconvolto in settimana il mondo della tecnologia, è senz’altro quella dell’acquisizione del colosso della telefonia mobile finlandese da parte dell’azienda di Redmond. D’altronde, i dati dell’ultimo anno erano piuttosto chiari: sia Microsoft che Nokia stavano segnando il passo di fronte a una situazione difficile, che vedeva Samsung in testa alle classifiche di vendita sia di telefonini in generale che di smartphone, ed Apple, pur ignorando praticamente la fascia di prezzo medio – bassa, capace di essere sempre leader nell’innovazione e nell’individuazione di nuove tendenze.

E se Nokia mal aveva digerito il sorpasso nelle vendite da parte di Samsung, dopo un dominio durato oltre dieci anni, allo stesso tempo Microsoft veniva da una trimestrale difficile, nella quale era stato accertato che solo il comparto Windows negli ultimi tempi era stato in grado di produrre utili significativi. Per questo si è arrivati alla decisione attuale, con Microsoft che ingloba quello che dall’alba degli anni duemila fino ai giorni nostri, è stato il maggior distributore di dispositivi di telefonia mobile in tutto il mondo, imponendo su scala planetaria l’eccellenza dei prodotti nordeuropei. Uno standard che gli utenti ora si chiedono se sopravviverà alla fusione, ma a spazzare via i dubbi ci ha pensato immediatamente la direttrice marketing di Nokia, Tuula Rytilä, che ha spiegato quali saranno gli effettivi cambiamenti dopo l’acquisizione dell’azienda finlandese da parte di Microsoft.

Innanzitutto non c’è nulla da temere per chi ama le pecuiarità qualitative del marchio Nokia: Microsoft ha deciso di investire proprio per sfruttarne le garanzie a livello di produzione, ed anche lo stesso brand Nokia continuerà ad apparire sugli smartphone che usciranno nel futuro. Piuttosto, Microsoft cercherà di unire il proprio marchio e quello di Lumia, per cercare di produrre un nuovo device in grado di fare tendenza nei prossimi anni, quando si stima che un ulteriore miliardo di persone nel mondo avranno accesso al mercato degli smartphone. Per quanto riguarda i cosiddetti feature pohnes come ‘Asha’, il discorso sarà esattamente identico, mente Tuula Rytilä ha ricordato come il supporto tecnico, anche se passerà sotto la supervisione di Microsoft, non subirà variazioni, considerando anche le leggi che impongono di continuare a fornire i servizi di supporto anche in caso di passaggio di proprietà aziendale. Insomma, se ancora non sono chiare le prospettive future del gigantesco affare, è evidente che la strategia sia sviluppare la solidità e l’evoluzione di Nokia tramite le più ingenti risorse di Microsoft.

Loading...

Vi consigliamo anche