0 Shares 9 Views
00:00:00
14 Dec

Photoshop: nuove funzionalità per la stampa 3D

LaRedazione
20 gennaio 2014
9 Views
Photoshop: nuove funzionalità per la stampa 3D

Il nuovo aggiornamento di Photoshop presenta il Creative Cloud 3D con introduzione della stampa in 3D.

La piattaforma Creative Cloud, usata in tutto il mondo da grafici e web-developer, si rinnova con un pacchetto di aggiornamenti dedicati agli strumenti che fanno parte della suite di Adobe. Complessivamente, saranno venti le nuove funzionalità introdotte, tra queste annoveriamo anche l’ingresso di un font nuovo di zecca, TypeKit, che si aggiunge agli altri 898 già presenti: la più interessante è senz’altro quella che riguarda Photoshop e che prevede la possibilità di fare delle stampe in 3D di modelli concepiti e creati in computer-grafica.

Si tratta di una novità molto importante, in quanto il supporto alla stampa 3D da parte di un software così popolare come Photoshop potrebbe spianare definitivamente la strada a un nuovo settore di cui si parla da tempo ma che rimane ancora inaccessibile ai più, visti gli alti costi delle stampanti ad-hoc e i pochi mezzi software a disposizione. Ma ora, grazie all’ultima release di Photoshop CC, si potranno modellare e produrre modelli tridimensionali in maniera facile, intuitiva e soprattutto veloce: per giungere allo scopo ci sono a disposizione le stampanti locali offerte da MakerBot, oppure si può sfruttare un servizio fornito via internet da Shapeways.

Adobe, inoltre, non ha lasciato proprio nulla al caso: lo dimostrano le funzionalità accessorie che la software house ha implementato affinché la stampa in tre dimensioni avvenga senza intoppi. Per esempio, può capitare che il modellino in 3D possa sfaldarsi durante la fase di processo additivo, ma tale inconveniente può essere risolto con la stampa di diversi materiali di supporto che proteggono il modellino stesso e rendono la vita meno complicata al modellista.

Come abbiamo già accennato, l’obiettivo di Adobe è di rendere la stampa in 3D un’operazione alla portata di tutti: ciascun grafico professionista (e non), regolarmente iscritto alla piattaforma Creative Cloud, potrà lavorare su un progetto già esistente oppure crearne uno completamente nuovo, avendo a disposizione un ampio set di strumenti per la definizione dei modelli da stampare in 3D e la rifinitura dei dettagli.

Prima di procedere alla stampa vera e propria, si potranno ammirare i modellini in anteprima, in modo da poter intervenire tempestivamente nel caso emergesse qualche imperfezione o fosse sfuggito qualche dettaglio durante l’implementazione del disegno al computer. L’affidabilità dei progetti tridimensionali sarà garantita dalla funzionalità per la riparazione automatica delle trame e la generazione delle strutture.

Con l’introduzione delle apposite funzionalità da parte di Adobe, all’interno di Photoshop, la stampa 3D si prepara a sbarcare finalmente nel mercato mainstream e ad abbracciare un bacino di utenza molto più ampio rispetto al passato.

Vi consigliamo anche