0 Shares 5 Views
00:00:00
11 Dec

Samjiyon, il nuovo tablet coreano che non naviga in internet

LaRedazione
14 novembre 2013
5 Views

Samjiyonil tablet che non naviga in internet non poteva che arrivare dalla Corea: la Corea del Nord per la precisione, dove le ristrette misure del regime dittatoriale non permettono certo ai cittadini di avere accesso ad un’informazione libera come quella che la rete può garantire.

Samjiyon è allora venuta incontro al governo locale, e ai cittadini che vorrebbero comunque avere la loro fetta di tecnologia per sentirsi al pari dei più ricchi ed emancipati colleghi del Sud. E così il dispositivo, chiamato Samjiyon, è arrivato a risolvere il problema, con gli uffici pubblici ed i privati cittadini della Corea del Nord che potranno avvalersi delle prestazioni e delle caratteristiche peculiari offerte da una tavoletta elettronica, senza però rischiare di avventurarsi in un mondo esterno che potrebbe essere foriero di informazioni sgradite al regime.

Una situazione paradossale che rende però bene l’idea di quanto il controllo dello Stato possa essere esercitato sui singoli in una nazione che dai tempi della guerra tra le due Coree non ha mai conosciuto la democrazia. Va detto che Samjiyon è stato attrezzato per pensare ad ogni evenienza, e la sua struttura non può essere in alcun modo modificata.

Il che non significa soltanto che non si possono cambiare né sostituire componenti per renderlo abilitato alla connessione ad internet, ma anche che di fatto non può essere riparato.

Samjiyon viene assemblato infatti in Cina, e l’arrivo dei pezzi di ricambio dovrebbe passare attraverso una procedura troppo complicata, e sicuramente inaccessibile ad un privato cittadino. Va detto che le caratteristiche tecniche di Samjiyon sono comunque di buon livello: display da sette pollici, processore da uno virgola due gigahertz e sistema operativo per dispositivi mobili Android, aggiornato alla sua ultima versione.

Va sottolineato poi come il costo del device non sarà in realtà molto accessibile per quello che resta uno dei paesi più poveri del mondo: si parla di centottanta dollari, anche se ci sarà la possibilità per funzionari pubblici ed impiegati di ottenerne gratuitamente un modello, relativamente alle proprie necessità lavorative.

Samjiyon dovrebbe anche essere munito di alcuni videogiochi integrati (si è parlato, pur senza conferme ufficiali, anche di Angry Birds) e darà anche accesso ad una biblioteca virtuale, dalla quale i cittadini della Corea del Nord potranno scaricare più di cinquecento titoli, ovviamente tutti pre-approvati dal Governo.

In definitiva con Samjiyon è impossibile accedere al web e si può navigare solo nella rete interna alla Corea del Nord.

 

 

 

Vi consigliamo anche