0 Shares 11 Views
00:00:00
12 Dec

Aesa, ok a smartphone e tablet in decollo e atterraggio

LaRedazione
10 dicembre 2013
11 Views
smartphone e tablet accesi in aereo

L’Aesa, agenzia europea per la sicurezza aerea, dà l’ok ai possessori di smartphone e tablet di lasciarli accesi in decollo e atterraggio. La notizia è arrivata in questi giorni dopo la pubblicazione da parte dell’agenzia di un documento con nuovi orientamenti a proposito dei dispositivi elettronici a bordo degli aerei.

Cellulari di nuova generazione e dispositivi elettronici di vario genere potranno restare accesi durante tutte le fasi di volo, comprese quelle di rullaggio, decollo e atterraggio. Non ci sono rischi per la sicurezza aerea e ora tocca solo alle varie compagnie aggiornare le proprie norme operative. I tempi e le modalità di utilizzo dei vari dispositivi rimarranno sempre a discrezione delle varie aziende, nel rispetto delle norme di sicurezza dettate dal personale di bordo. Tablet e cellulari potranno rimanere accesi con una modalità offline o in volo ma non connessi a internet.

Su questo fronte però potrebbero esserci presto delle novità. Nuovi orientamenti potrebbero essere disponibili già a partire dai primi mesi del prossimo anno e riguarderebbero proprio le connessioni internet, diventate così vitali in un mondo sempre più globalizzato.

A lanciare la proposta è stato il vicepresidente e commissario dell’Unione europea per i trasporti Siim Kallas, che avrebbe chiesto all’Aesa di rivedere anche questo divieto e apportare delle revisioni aggiornate alle norme. Le nuove disposizioni, ha poi specificato Siim Kallas dovranno attenersi a standard di sicurezza molto rigidi ed essere suffragate da prove scientifiche tangibili.

L’utilizzo dei dispositivi elettronici in fase di decollo e atterraggio oggi diventa quindi una realtà e se la sicurezza aerea lo permetterà, presto ci si potrà collegare anche al web. Per i passeggeri di tutta Europa si apriranno così nuove possibilità di carattere pratico e lavorativo sempre però nei limiti dettati dalle singole compagnie. In alcuni casi, infatti, potrebbe palesarsi l’esigenza di limitare l’utilizzo dei dispositivi elettronici per motivi di privacy o tranquillità a bordo degli aerei, ma si tratta di situazioni da considerare solo in un secondo momento e caso per caso.

La decisione europea segue di poco una delibera analoga della Federal Aviation Administration americana, che ha concesso già a due compagnie aeree, la Delta e JetBlue questo genere di autorizzazione. Presto l’autorizzazione si estenderà anche ad altre aziende che ne faranno richiesta.
Aesa, ha così dato l’ok a smartphone e tablet sugli aerei in decollo e atterraggio e non è detto che le norme non inizino a essere applicate già a partire dalle festività di Natale.

 

Vi consigliamo anche