0 Shares 13 Views
00:00:00
13 Dec

Da oggi in vendita Galaxy Gear e Note 3: prezzi e caratteristiche tecniche

LaRedazione
25 settembre 2013
13 Views

Dopo la presentazione ufficiale all’IFA di Berlino che ha calamitato l’attenzione, per Samsung oggi è il classico giorno della verità: arrivano infatti sul mercato il Galaxy Gear e il Galaxy Note 3, i due dispositivi che rappresentano il clou dell’offensiva commerciale autunnale del colosso tecnologico coreano.

Due novità estremamente importanti, anche se dalla filosofia sostanzialmente diversa. Il Galaxy Gear rappresenta infatti l’anteprima grazie alla quale Samsung è riuscita a battere sul tempo Apple nel comparto della cosiddetta wearable technology, con l’orologio ‘intelligente’ in grado di interagire al meglio con il proprio smartphone.

Il Galaxy Note 3 è invece il nuovo phablet (dispositivo a metà tra smartphone e tablet) della casa asiatica, che riesce a coniugare la praticità e la maneggevolezza di uno smartphone all’efficienza professionale di un tablet, ideale soprattutto per gli utilizzi professionali richiesti fuori casa.

Il Samsung Galaxy Gear si avvale delle prestazioni di un processore da ottocento gigahertz, con mezzo giga di memoria Ram e quattro gigabyte di memoria interna, il che garantisce al dispositivo una discreta capacità di immagazzinamento dati.

Il piccolo display da uno virgola sessantatré pollici garantisce comunque una buona resa video, grazie alla quale si possono anche scattare fotografie (dunque un orologio in pieno stile James Bond) grazie alla fotocamera frontale da uno virgola nove megapixel.

Il Samsung Galaxy Gear è in vendita dalla giornata di mercoledì venticinque settembre in ben cinquantotto paesi di tutto il mondo, ad un prezzo di duecenonovantanove euro che può rappresentare senz’altro un’opzione stuzzicante per tutti quegli utenti a caccia delle più recenti novità tecnologiche.

Per quanto riguarda invece il Samsung Galaxy Note 3, che avrà le stesse caratteristiche di diffusione del Galaxy Gear, il prezzo di listino è decisamente meno entry level (729 euro), ma va specificato come chi lo acquisterà metterà le mani su un autentico top di gamma.

Il processore Snapdragon 800 Qualcomm è estremamente performante, grazie anche ai tre gigabyte di memoria Ram integrata, ed una capacità di stoccaggio dati che parte da trentadue gigabyte, ma può arrivare anche a sessantaquattro.

La risoluzione video è il punto di forza del Samsung Galaxy Note 3, con un display in alta definizione da cinque virgola nove pollici (il che come specificato lo rende un ‘phablet’ in piena regola), che può essere sfruttato dalla fotocamera posteriore da tredici megapixel e quella frontale da due megapixel.

Il sistema operativo è Android Jelly Bean 4.3, ed un punto di forza è rappresentato senz’altro dalla funzionalità multi-window, che permette di lavorare su più applicazioni in contemporanea.

Vi consigliamo anche