0 Shares 19 Views
00:00:00
14 Dec

Google compra Bump: l’app per scambiare file ‘con un tocco di smartphone’

LaRedazione
17 settembre 2013
19 Views
bump_iphone_hero

Alla lunga lista di società acquisite da Big G, si aggiunge l’ultima new entry, la Bump Technologies, azienda i cui sviluppatori hanno prodotto due applicazioni per Android: Bump e Flock.

Bump permette di scambiare contenuti in modalità Wi-Fi, con un solo tocco dei device;
Flock invece è utile per condividere album di fotografie.

L’azienda, omonima della stessa app Bump, è nata nel 2008, commercializzando i propri prodotti dapprima sull’App Store e successivamente su piattaforma Android.
Bump, in particolare, è un’apprezzatissima applicazione che permette di scambiare file, foto ecc, tramite una modalità particolare, se non unica: avvicinando due dispositivi e facendoli toccare leggermente, a mo di “cin cin” fra due bicchieri di spumante!
Il tutto senza far uso della tecnologia NFC, Near Field Communications cioè letteralmente comunicazione in prossimità, o di Bluetooth.

To bump” in lingua inglese, vuol dire appunto urtare: un particolarissimo protocollo messo a punto dagli sviluppatori del servizio.
Funziona avviando l’app, e facendo letteralmente collidere due smartphone o tablet e, grazie all’algoritmo del sistema, i dati verranno trasmessi da un device all’altro.

Inutile dire che questa fun-app ha riscosso un notevole successo, tanto da entrare di diritto, fra le classifiche che corrono sul web, delle app più utili da scaricare.
Ed effettivamente ha raggiunto numeri di download ragguardevoli!

C’è stato anche un tentativo di emulazione da parte del colosso Apple, che ha sviluppato Air-Drop, un’app dalle funzionalità simili a Bump, che permette la condivisione di contenuti via Wireless, fra tutti gli utenti utilizzatori di device Apple.

Ma con Bump sotto il controllo di Big G, ne vedremo senz’altro delle belle.

Infatti Google, che ha dimostrato un grandissimo interesse verso questa tecnologia, secondo alcuni rumors, utilizzerà Bump per integrare ed implementare le funzionalità dei suoi Google Glass.

Il CEO di Bump, David Lieb, ha pubblicamente annunciato l’acquisizione da parte di Google quest’oggi ma, al momento Bump rimarrà un’app indipendente dalle tecnologie sviluppate a Mountain View.

Loading...

Vi consigliamo anche