0 Shares 19 Views
00:00:00
15 Dec

iPhone 5s: sensori imprecisi, scoperta la causa

LaRedazione - 17 ottobre 2013
LaRedazione
17 ottobre 2013
19 Views

Continuano i problemi per Apple dopo l’uscita dei suoi nuovi smartphone. iPhone 5s ha avuto un esordio piuttosto laborioso, dovuto però principalmente a bug riguardanti il nuovo sistema operativo per dispositivi mobili dell’azienda di Cupertino, ovvero iOS 7.

Negli ultimi giorni però molti utenti hanno sottolineato un malfunzionamento riguardante una caratteristica dell’hardware del melafonino di ultima generazione, ovvero delle imprecisioni relative ai sensori di movimento.

Sensori difettosi che, a loro volta, regolano applicazioni del telefono come la bussola e la livella, che spesso arrivavano a far registrare anomalie ed imprecisioni anche di cinque gradi. Una problematica che andava poi a riflettersi anche in altre app e giochi che utilizzavano questo tipo di funzionalità regolate dai sensori di movimento, come ad esempio i giochi di guida che a tale sensore fanno affidamento per regolare giroscopio e rendere il più realistica possibile l’esperienza di gioco.

Il problema riguarda principalmente il fatto che per funzionare al meglio, il sensore di movimento fa affidamento alle variabili che regolano distanza e distorsione. Una volta rilevate queste due caratteristiche, lo smartphone riesce a cogliere in pieno quelle che sono le variazioni di movimento dell’ambiente circostante, e a replicarle fedelmente su quanto accade sullo schermo.

Il problema riguarderebbe la distorsione che non viene efficacemente calcolata, un problema che comporta i difetti di cui sopra. Un vero e proprio difetto di progettazione, che si dice Apple abbia in realtà già rilevato prima della commercializzazione di iPhone 5s, ma messa alle strette dalle esigenze commerciali pressanti, l’azienda di Cupertino l’avrebbe deliberatamente ignorato, per valutarne la reale entità solo dopo l’arrivo nei negozi dello smartphone, tramite i feedback (ovviamente negativi) degli utenti, per poi pensare a rilasciare un aggiornamento che riuscisse a correggere il problema.

Un atteggiamento che i più attenti hanno sottolineato come non sia proprio dello stile di Apple, mentre altri evidenziano come il problema potrebbe essere effettivamente sfuggito alla casa californiana in fase di progettazione. Una svista che sarebbe però ancor più grossolana, e che di sicuro in tempi passati non sarebbe potuta accadere, considerando il livello di precisione e ‘pignoleria’ che Apple ha sempre dedicato alla produzione dei suoi dispositivi.

Da fonti ufficiali dell’azienda non sono arrivate comunque conferme che Apple sia al corrente del problema, ma è chiaro che una correzione della questione tramite il proprio sistema operativo risparmierebbe agli sviluppatori la necessità di correggere ad hoc il problema nella progettazione di ogni singola app. Vedremo se anche questa falla sarà coperta dall’azienda di Cupertino, al momento però impegnata con l’organizzazione del keynote del ventidue ottobre.

Loading...

Vi consigliamo anche