0 Shares 13 Views
00:00:00
17 Dec

Tecnologia: italiani primi per passione, ultimi per innovazione

LaRedazione - 22 novembre 2013
LaRedazione
22 novembre 2013
13 Views
italiani e tecnologia

Gli italiani amano la tecnologia ma purtroppo, nel campo dell’innovazione, si sono classificati ultimi nella lista che vede protagonisti i Paesi e le popolazioni che producono e creano innovazioni nel campo della tecnologia.

Si tratta quindi di un grande controsenso: la tecnologia piace tanto, ed i dati lo confermano, visto che gli italiani sono i primi a classificarsi come acquirenti di apparecchiature appunto tecnologiche, ma la stessa popolazione è ultima nell’ambito dell’innovazione e produzione, come se lasciassero il tutto agli altri Paesi, limitandosi a vestire solo il ruolo di acquirenti.

Analizzando maggiormente i dati, salta all’occhio uno strano dato: i giovani non sono quelli che amano moltissimo la tecnologia, ma anzi, su tutta la popolazione giovane presa in considerazione, la metà non vede di buon occhio il grande prodigio che la tecnologia sta facendo, mentre l’altra metà, senza tecnologia non sarebbe in grado di muoversi, e rimarrebbe come spaesata, fuori dal mondo.

Non solo: sempre i giovani sono quelli che credono che gli italiani, le Istituzioni e gli altri ragazzi non siano in grado di avere quella sorta di capacità per poter progredire tecnologicamente, cosa abbastanza triste da sostenere, in quanto conferma la tesi che l’italiano è solo un buon acquirente ma assolutamente non è un produttore, sopratutto nell’ambito della tanto amata, o odiata, tecnologia.

La fetta di popolazione che invece adora incredibilmente fino alla follia la tecnologia è rappresentata incredibilmente dalle donne sopra i 45 anni d’età: le casalinghe quindi, ma anche le grandi lavoratrici hanno una grande passione per la tecnologia attira tantissimo: un dato insolito, quindi, visto che negli altri Paesi il binomio tecnologia giovani è un qualcosa di consolidato da anni.

Molti italiani vorrebbero inoltre che la tecnologia comprendesse sempre più aspetti della propria vita, e che aiutasse ulteriormente persone semplici e strutture organizzative.
Allo stesso tempo, però, questo desiderio spingerebbe ad invadere maggiormente la privacy, ed ecco spuntare improvvisamente i garantisti della privacy: un controsenso incredibile quindi, che rende ancor più complicato capire come gli italiani si rapportino effettivamente con la tecnologia.
Per ora però il dato triste è stato reso noto: agli italiani piace la tecnologia, ma in quanto a produzione ed innovazione, gli italiani fanno una pessima figura.

Loading...

Vi consigliamo anche