0 Shares 23 Views
00:00:00
17 Dec

Assassin’s Creed: Ubisoft ha già deciso come sarà il gran finale

LaRedazione - 5 agosto 2013
LaRedazione
5 agosto 2013
23 Views

Solitamente le interviste rilasciate a pochi mesi dall’uscita di un nuovo titolo per console lasciano alquanto a desiderare. Infatti si tende spesso a rilasciare dichiarazioni stereotipate, al fine di invogliare e intrigare i potenziali acquirenti e i fan della saga. Tutto ciò però non è avvenuto fortunatamente con Ahraf Ismail, ovvero il game director della celebre saga Assassin’s Creed.

Ismail ha infatti dichiarato a sorpresa d’aver già in testa un finale per la saga, che di certo però non si concluderà con il prossimo capitolo Black Flag, in uscita nei negozi tra qualche mese. Sia la Ubisoft che i fan della serie chiedono un capitolo all’anno, richiesta che Ismail si dice essere pronto a soddisfare. Egli però è ben consapevole che per alcuni giocatori la saga potrebbe diventare eccessivamente lunga, ma che soprattutto questi temano uno scemare della qualità della sceneggiatura alla base, giungendo o al titolo potenzialmente infinito o a un finale scialbo. Proprio per questo egli precisa d’aver già pronto un finale entusiasmante, ma che non vedrà la luce almeno per i prossimi due anni. Egli infatti ha inoltre dichiarato d’aver pronto dell’altro materiale, che verrà adoperato per il quinto capitolo in uscita nel 2014.

Assassin’s Creed dunque tornerà con nuovi titoli ancora per svariati anni, portando i suoi personaggi e gli stessi giocatori a confrontarsi con epoche ma soprattutto ambientazioni del tutto differenti le une dalle altre. In particolare la Ubisoft pare aver ascoltato le richieste dei propri fan, chiedendo a Ismail e al suo team di progettare delle sceneggiature che prevedessero il Giappone Feudale e la Cina Imperiale.

Sulla questione si è espressa anche la software house, che ha dichiarato come, dopo aver ambientato i primi capitoli della saga tra Oriente ed Europa, il precedente ha aperto una nuova strada, quella americana, che continuerà in Black Flag, che porterà i protagonisti nella parte meridionale del continente, ovvero in America Latina. Il futuro però potrebbe riaprire probabilmente le porte dell’Oriente, con ambientazioni affascinanti e colme di tematiche da analizzare come Giappone e Cina nelle loro fasi più affascinanti.

Le potenzialità ludiche di questa saga sono però molto più vaste, dal momento che la struttura di Assassin’s Creed consente di affrontare ogni evento rilevante avvenuto nella storia del mondo in ogni sua fase. C’è dunque da attendersi che il nostro assassino Miles sia invischiato nella rivoluzione francese, o che combatta tra i castelli medievali o magari si avvicini al presente, evitando lo scontro nucleare nella guerra fredda.

Loading...

Vi consigliamo anche