0 Shares 15 Views
00:00:00
14 Dec

Windows Rt: la fine è ormai vicina

LaRedazione
28 novembre 2013
15 Views

Potrebbe sparire presto dalla circolazione Windows RT, la versione considerata ‘alternativa’ del sistema operativo Microsoft, nata principalmente per legare tra loro dispositivi diversi, e per creare un OS in grado di lavorare sui tablet Windows.

Una scelta che può essere spiegabile considerando il momento difficile passato da Microsoft, che ha la necessità di ottimizzare quello che può essere considerato anche il fiore all’occhiello dell’azienda, ovvero il comparto Windows, senza dimenticare di considerare come il settore delle tavolette elettroniche, con il sostanziale flop di Surface, abbia finora riservato ben poche soddisfazioni all’azienda di Redmond.

E così attualmente ci sono tre versioni di Windows, la otto punto uno, la più aggiornata per desktop computer, Windows Phone dedicata ai sistemi di telefonia mobile, ed appunto Windows RT, nata ormai due anni or sono come legame tra la nuova filosofia di Windows 8 ed il boom dei tablet, che proprio nell’ultimo biennio ha fatto registrare il suo picco.

Una festa alla quale Microsoft non è riuscita però a partecipare a pieno diritto, considerando che oltre al già citato Surface che ben poca fortuna ha raccolto sul mercato, Windows RT viene ormai implementato solamente da tablet prodotti da Nokia, che con Microsoft ha da alcuni mesi messo in piedi una stretta collaborazione, con l’acquisizione di parte dell’azienda finlandese da parte del colosso di Redmond.

Insomma, spendere ancora risorse ed energie per lo sviluppo di Windows Rt rischierebbe di diventare un esercizio di stile fine a sé stesso, e con l’enorme competitività raggiunta dal mercato negli ultimi mesi, si tratterebbe di un passo falso che Microsoft davvero non potrebbe permettersi. Anche perché i conti sono già difficili, come dichiarato ufficialmente dal vicedirettore esecutivo di Redmond per lo sviluppo dei dispositivi mobili, Julie Larson-Green, che ha parlato esplicitamente di una perdita di circa novecento milioni di dollari per Microsoft dovuta ai tanti pezzi invenduti di Windows RT.

Quindi l’intenzione è quella di chiudere l’esperienza del sistema operativo già all’inizio del prossimo anno. Microsoft punterà tutto su Windows otto punto uno, facendo partire quello che sarà un forte processo di integrazione tra il sistema operativo dedicato ai desktop computer, e per gli smartphone terrà vivo il progetto Windows Phone, che sta ottenendo comunque discreti riscontri.

L’esperienza di Windows RT è invece destinata a chiudersi, con i dispositivi integrati che si sono rivelati alla fine solo una causa di perdite e di dispensioni di risorse,

 

Vi consigliamo anche